Abbassare la temperatura dell’acquario: that’s the way I like it!

In queste settimane ho trascurato totalmente l’acquario. 🙁

Mi sono concentrato esclusivamente sull’università e tutto era secondario.

Ai miei pesciolini ho garantito il cibo e le ore di luce… per il resto dovevano gestirsi da soli. 😐

Ieri però… è morto il pesce rosso (che rimarrà nei secoli immortalato in questo video dolcemente malinconico) così dovevo decisamente occuparmene.

Oggi sono andato a comprare l’ennesimo bidone da 20 litri di acqua di osmosi ed ho chiesto un paio di consigli per il problema più grave per chi ha un acquario e vive in Sicilia: il caldo.

Ieri sera la temperatura dell’acqua, nonostante nella mia stanza non batta mai il sole, aveva superato i 30°C.

Impensabile poter continuare così… quando la temperatura ideale per un acquario d’acqua dolce è intorno ai 26°C.

La risposta più bella è arrivata dal negoziante: “fai all’antica, immergi nell’acquario una bella bottiglia di ghiaccio.

Mi ha anche detto che esistono ventoline e bombolette all’azoto per creare un sistema refrigerante… ma era assurdo pensare a cose simili per un acquario da 60 litri.

Il metodo della nonna è sempre il migliore. 🙂

Insieme ai 20 litri ho preso anche altre due piantine (due nuove anubias che mi piacciono tanto…) ed ho risistemato le altre. Ho inserito infine, 2 pilloline di Flore Plus e 15ml di Nitrivec.

Ah, quando inserite una piantina nuova, oltre a togliere la spugna dalle radici, ricordatevi di sciacquarla bene in modo da evitare di portarvi dentro eventuali uova di lumaca. 😉

Emanuele

11 commenti » Scrivi un commento

  1. Concordo con te è la cosa più triste togliere un pesce morto 🙁 . Anche io uso solo Anubias nei miei acquari. Per le uova di lumaca non credo siano cosi pericolose 😉 anzi nel mio acquario piccolo ce ne sempre diverse di lumachine che girano 🙂

  2. Le anubias sono semplici da gestire perché necessitano poca luce. Le uova di lumaca sono pericolose perché in base alla razza potresti ritrovarti l’acquario infestato da centinaia o migliaia di lumachine piccolissime in poche settimane. A quel punto esistono vari metodi per farle andar via… ma prevenire è meglio che curare.
    Anche nel mio comunque ho visto qualche lumachina ogni tanto. I pesci pulitori però han fatto il loro dovere. 😉
    Ciao,
    Emanuele

  3. Ommadonna… stai allevando degli assassini! :timid:

    Quando ero all’asilo ho vinto un pesce ad un parco acquatico: i miei hanno accettato di tenerlo perchè i pesci rossi hanno da sempre la fama di durare 2 settimana e poi passano al Creatore…
    9 anni dopo, Ariel era ancora a casa: aveva perso il colorito rosso acceso (resta un mistero sul perchè “sbiadiscano” crescendo), era diventato grande quanto una trota, per cambiargli l’acqua (a mano, con la tipica vasca di plastica con dentro qualche conchiglia e nulla più) lo buttavamo momentaneamente nella pentola dell’acqua o nella vasca da bagno, detestava il magliore dorato di mia madre e tirata delle capocciate pazzesche contro la vasca se glielo vedeva addosso.
    Siccome allevare un pesce della grandezza di un delfino stava diventando problematico, l’abbiamo affidato alle acque del parco ittico di alcuni nostri amici 😥

    In ogni caso, se la temperatura salisse ancora, resta solo una cosa da fare: un fornelletto sotto la vasca e una manciata di sale grosso 😛

  4. Ahaha Giulia! Al momento ho immerso nell’acquario una bottiglietta d’acqua ghiacciata… domani però andrò a comprare le tavolette che sono più agevoli da inserire (non posso aprire il coperchio totalmente per via di una mensola posta pochi centimetri sopra l’acquario).
    Comunque è possibile che siano morti per il caldo. A quanto pare son molto sensibili e vivere continuamente con 5 gradi in più è come lasciare un uomo dentro una sauna. 😛
    Penso che aspetterò la fine dell’estate per ripopolarlo di pesciolini… per ora cerco di far vivere bene quelli rimasti. 🙂
    Ciao,
    Emanuele

  5. Pingback: Acquario: ricordatevi di pulire la pompa dell’acqua! - …time is what you make of it…

  6. Pingback: Pesci schizofrenici… - …time is what you make of it…

  7. Pingback: Pesci juventini… in formazione! - …time is what you make of it…

  8. Pingback: Forse c’è più fresco. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.