– Disclaimer –

Per anni ho scritto. Ho scritto forsennatamente, correndo. Avevo l’ansia di chi deve recuperar la terra quando il mare in risacca tenta di bagnare e rovinare quelle belle scarpe che avevi deciso di comprare. Più le guardavo e più mi dicevo “cavolo, ma proprio oggi, proprio queste?” come fossero le più preziose che mi sarei potuto permettere nella mia intera vita. Come se a rovinarsi fosse una parte di me. E così correvo. Paura di perdersi, di annegare, mi dicono. Paura di non arrivare, mi dico. Perché io correvo, è vero, quando il mare avanzava verso la terra, ma correvo ancor di più quando sembrava volesse concedermi tutti i suoi fondali. Paura dicevamo. Una fottutissima paura che ti spinge a rischiare tutto, a correr nuovamente contro l’acqua che si ritira ma che – alt! Dietro front! – ti porta poi a dover dare giustificazione di ciò che sei. No, non agli altri – loro lo vedono che a quelle scarpe, a ciò che sei, ci tieni. Scrivevo per dare giustificazione a me stesso, in un continuo moto ondoso.

Poi, un giorno, mi son fermato. Non ho deciso di rovinare le scarpe, semplicemente però, ho capito che potevo toglierle. Potevo bagnarmi i piedi, potevo sporcarli, potevo raccontarvi solo della sabbia che, una volta inumidita, cambiava colore e permetteva di scolpire delle impronte ancor più definite. Addirittura più belle di quelle che intravedevo quando correvo via, fuggendo da quella massa schiumosa che mi tallonava con precisione. Perdi tempo quando corri, perdi tempo quando giustifichi.

Un giorno, ho deciso di tenere i piedi liberi. E di scoprire il mare.

Emanuele

– 25 Febbraio 2012 –

12 commenti » Scrivi un commento

  1. Pingback: …time is what you make of it… » Archivio del blog » Qualche piccola avvertenza…

  2. Pingback: …time is what you make of it… » Archivio del blog » Ci vuole k…

  3. Pingback: …time is what you make of it… » Archivio del blog » Piccole orme, piccoli passi.

  4. Pingback: …time is what you make of it… » Archivio del blog » Perché non uso Twitter

  5. Pingback: Tempo di pulizia… - …time is what you make of it…

  6. Pingback: Cercando di completare il mio puzzle. - …time is what you make of it…

  7. Pingback: Devo confessarlo… - …time is what you make of it…

  8. Pingback: I just want to know who I am… - …time is what you make of it…

  9. Pingback: Giallo. - …time is what you make of it…

  10. Pingback: Amami. Amemi. A me mi. - …time is what you make of it…

  11. Pingback: Blogger si nasce, e io – modestamente – lo nacqui. - …time is what you make of it…

  12. Che bello questo testo!
    Nel leggere queste parole vorrei capire di più il punto di vista dell’autore e la sua storia.

    Devo tenere anche in considerazione che, nella lettura, ci metto la mia personale interpretazione, in ogni caso queste parole; questo scritto, mi hanno portato in un breve e piacevole viaggio.

    Mi sembra davvero di vedere tutti intorno correre, essere presi da ciò che dicono anche io dovrei essere preso… e invece io continuo a guardarmi intorno e a non trovarmi.
    La gente corre, si presta molta attenzione alle scarpe, ai colori, alla marca, a chi le porta meglio… quando poi, quello che conterebbe veramente è l’energia della libertà: essere liberi dall’apparire, dal dover correre, dal dover conformarsi nello stile di vita degli altri.

    Sembra quasi che se ti fermi sulla spiaggia a piedi nudi, ad ascoltare il mare ad occhi chiusi, ti prendono per pazzo… fosse solo che ti prendono per pazzo… il problema è che dopo un po’ ti chiamano un furgone per farti portare via, come se fossi matto.

    Abbiamo perso un po’ i valori,
    per fortuna qualcuno li ha ritrovati 🙂

    Marco.

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.