Trasferimento verso HostingZoom

Ho appena effettuato l’ordine su HostingZoom per il piano Shared Web Hosting. Risulta già pagato tramite Paypal, entro 24 ore, secondo le loro indicazioni, l’account dovrebbe essere creato ed abilitato.

Appena pronto provvederò a spostarmi in America… con un SLA garantito e risarcito al 99,9% per ogni mese (in pratica possono permettersi di non offrire il servizio per cui ho pagato per meno di 44 minuti al mese) penso che non soffrirò più i downtime che TopHost mi ha regalato in questo anno e mezzo. Il ping probabilmente sarà più altino, ma confido nei 100mbit di banda (condivisi) che mi offrono per assicurare la giusta velocità a questo sito (e agli altri 2 che ospiterò nello spazio).

Le altre caratteristiche salienti?

  • Caselle e-mail illimitate (Pop3, Imap, Smtp) con possibilità di creazione di alias e mailing list. Antivirus ed Antispam inclusi nel prezzo.
  • 5 GB di spazio (ormai le offerte “tutto illimitato” mi fanno solo paura), condivisibile con 6 domini.
  • 100 GB di banda mensile.
  • 25 Database MySql.
  • Possibilità di creare FTP ad accesso anonimo (ottimo per offrire file via ftp ad amici).
  • 5 diversi software di gestione dei log e delle statistiche.
  • Servizio di CronJob (utile per automatizzare i backup del blog :-)).

Non è comunque un saluto totale a TopHost. Tramite loro infatti (e SeeWeb, da cui dipendono) manterrò i DNS dei vari siti. Penso che Tophost da questo punto di vista sia ottimo, considerato il prezzo di mantenimento di un dominio.

Beh… le novità le scoprirò nei prossimi giorni, e magari scriverò anche 2 righe più approfondite su HostingZoom e la gestione di più domini su un’unico spazio.

Per concludere, con 3 domini (e nel mio caso 3 diverse persone a pagare), il totale annuale (compreso l’acquisto del dominio su TopHost), viene meno di 23 euro l’anno. In definitiva, anche il prezzo, non può che considerarsi concorrenziale.

P|xeL

8 commenti » Scrivi un commento

  1. Interessante. Urge un confronto con Dreamhost. Lasciando stare i valori di Dreamhost di spazio, banda più alti (ma che in fondo difficilmente si utilizzano) il prezzo è molto interessante: bisognerebbe poter confrontare l’usabilità (pannello di controllo etc) e l’assistenza.

  2. Pingback: …time is what you make of it… » Archivio del blog » HostingZoom mi rimborsa il downtime.

  3. Pingback: …time is what you make of it… » Archivio del blog » Backup e trasloco…

  4. Pingback: Webper… me. - …time is what you make of it…

  5. Pingback: Trasferimento DNS verso WebPerTe - …time is what you make of it…

  6. Pingback: HostingZoom non è peggio di WebPerTe. - …time is what you make of it…

  7. Pingback: Gestione della posta del nostro dominio tramite Google Apps! - …time is what you make of it…

  8. Pingback: HostingZoom: precisazioni sulle risorse. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.