Il web è un’onda e noi i surfisti.

Utilizzo Keepass da dieci anni, un mese e qualche giorno e a distanza di tempo ho raccolto in 37 gruppi 472 password, una roba che non avrei mai saputo gestire altrimenti. [1] Quel che però mi sorprende è vedere che 48 voci sono relative a siti web defunti. Si tratta del 10% del mio database e mi domando quanto questa percentuale crescerà nel tempo.

Grande onda a Kanagawa

Negli ultimi dieci anni internet è esplosa e al suo interno è sempre più frequente assistere a fenomeni che, come fuochi d’artificio, scompaiono con rapidità. Al contempo i progetti stabili maturano, invecchiano, diventano obsoleti o – semplicemente – la gente che vi sta dietro inizia a dedicarsi ad altro. L’insieme delle due cose rimescola continuamente il web che ci è dato vivere. [2]

I nostri figli vivranno un web totalmente diverso da quello odierno ma a noi non sarà regalato il piacere di rivedere certe pagine, come i nostri genitori – figli della tv – possono rivedere Pippo Baudo, Mina o mettere in play un film di Fellini. L’onda del web, dopo che muore, scompare senza lasciare grosse tracce e chi ne è figlio dovrà accontentarsi di vivere eternamente sulla sua cresta.

Il sogno di ogni surfista è la prigione dei nativi digitali.

Emanuele

[1] Sul prodotto scrissi due righe circa 8 anni fa. Nel mio database non esiste una password simile all’altra. Ognuna di esse è una stringa di caratteri random con lunghezza variabile e dubito esista un metodo umano per ricordarle.

[2] Forse anche per questo ho una certa ritrosia nell’iscrivermi, continuamente, ad ogni nuovo servizio che spunta. Un po’ come i funghi, credo che il web da vivere vada selezionato.

7 comments » Write a comment

  1. È vero.. si dice sempre che il web è eterno, se fai una cosa rimane sempre li e blabla la. Magari per certe cose è vero ma tantissimi siti visitati e animati anni fa ormai sono spariti per le più variegate ragioni. Ed è sempre triste il non poter più accedere a un luogo dove magari un tempo ci si passavano le ore.
    E ogni tanto mi piace tuffarmi nel passato – quando presente – su archive.org. È fantastico 😀

  2. Bella riflessione … una cosa che “di pancia” ho sempre avvertito, ma non avevo mai trovato la lucidità ed il tempo di esprimere a parole!

  3. Pingback: Il web è un’onda e noi i surfisti. – kOoLiNuS ☞ il blog

  4. Pingback: OSX Snow Leopard e iOS 9.3. | …time is what you make of it…

  5. Pingback: Che direbbe Pikachu del mio blog?! | …time is what you make of it…

  6. Pingback: Siti web, grafici …e fiori. | …time is what you make of it…

  7. Pingback: Il web era open, indipendente ma interconnesso. | …time is what you make of it…

Lascia un commento

Required fields are marked *.