Un aereo passa veloce e io mi fermo a pensare a tutti quelli che partono…

Oggi sono andato al pranzo “a sorpresa” organizzato dai ragazzi del clan per salutare mia sorella.

Ero li ed era strano guardarla. Sorrideva.

Era li, a scherzare come sempre, con il suo strano umorismo molto simile al mio. Come se non volesse pensare come cambierà la vita domani.

Domani inizierà una nuova avventura, ed io sono tanto felice per lei e per mio fratello… però, già oggi pomeriggio, si sono iniziate a delineare le difficoltà che dovrò affrontare quest’inverno.

Molte più cose, a casa, dipenderanno esclusivamente da me (chi mi conosce bene, penso possa anche capire…). Riuscirò a dividermi bene i tempi? Riuscirò a non far si che fatica e stanchezza mi rendano nervoso? Riuscirò ad essere sempre disponibile?

Tanti problemi rimarranno qui, *distanti* da loro.

Dio mi sta mostrando una nuova sfida… e io non voglio perdere neanche questa. Voglio riuscire anche in questo.

Maturità è essere capaci di affrontare i problemi senza dover prima far affondare la barca per scoprire che esistono.

Come i fiumi scavano nuovi alvei per le loro acque impetuose, gli uomini sceglievano altri luoghi dove vivere.

Tratto da: Il Cammino di Santiago di Paulo Coelho

Questa frase l’ho letta un paio di sere fa su quel libro che… pian piano sta finendo e che, come ho già detto, vorrei non finisse.

Mi sta accompagnando. Solitamente quando leggo un libro ho sempre fretta di scoprirlo tutto, fino alla fine… questo invece vorrei che aggiungesse due pagine in fondo, per ogni frase che leggo.

Io sono pronto per questa sfida. Sono mesi che lavoro su di me… ed ho tanta coscienza di ciò che posso e non posso fare. Ho coscienza delle mie capacità e dei miei limiti.

Tutto cambia, tutto si muove, tutto ruota. La vita non sai mai cosa ti riserva ed è per questo che l’unica cosa che si può fare è vivere sempre felici. 🙂

Emanuele

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

1 commento » Scrivi un commento

  1. Pingback: Non sento Mozart da un mese. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.