Distributore automatico di sorrisi!

Ancora non ho avuto modo di immortalarmi su quella ruota singola dall’equilibrio instabile intanto mi son reso conto che: in primis, andare avanti sul monociclo, al pari della vita, è più semplice del tornare indietro. In secundis stare fermi è un’arte tutta a sé (e nella vita idem). In tertiis la gente che passa non può non fissare la pedalata ed è anche capace di fermare lo scooter. In quartis i bambini tirano la mano alla mamma pur di guardare due secondi ancora. In quintis mi è stato chiesto se volessi andare al circo in futuro (è accaduto in un ferramenta in cui ho comprato una chiave per stringere un dado).

Intanto, la cosa più piacevole è che qualunque sia la razza, il colore, il sesso, l’età o l’estrazione sociale, se riesco nell’incredibile numero di percorrere alcune decine di metri in equilibrio – parte un sorriso fugace ma spontaneo e così, rimanere su quel marciapiede ad allenarmi diventa qualcosa di più di “due intelligentissime ore per sudare una maglietta“.

Faccio. Sorridere. Chi. Passa.

Uno, due, tre, quattro sorrisi. Saranno stati venti, trenta per ora? Sono trenta sorrisi regalati nella storia dell’umanità.

E’ qualcosa di più di un gioco. E’ qualcosa di più. E’ una cosa potentissima.

Emanuele

9 commenti » Scrivi un commento

  1. Pingback: Per l’uomo che non deve chiedere. Mai. - …time is what you make of it…

  2. Pingback: Continua a girare… - …time is what you make of it…

  3. Pingback: Ohoh, non ho fatto 10 biglietti… - …time is what you make of it…

  4. Pingback: L’Audi dei balocchi. - …time is what you make of it…

  5. Pingback: Circondatevi! - …time is what you make of it…

  6. Pingback: Quattro virgola sei chilometri in monociclo! - …time is what you make of it…

  7. Pingback: Mamma, mamma, guardaaaa!!! - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.