La mia pelle è carta bianca per il tuo racconto.

Per quanto possa sembrare paradossale, la natura è di una precisione incredibile. Non sempre si ha la possibilità di osservarne le regole che la descrivono ma questa primavera qui – fuori città – mi sta facendo questo regalo.

Ricordate quel campo dipinto di giallo che vi avevo fatto vedere tempo fa? E’ scomparso. Una bella mattina passavo da lì in bicicletta per andare al lavoro, e non c’era più. La notte, quella precisa notte l’intero campo si era spogliato, come una donna che decide di concedersi magicamente alla sua terra. I petali dovevano essere finiti, come un mantello, sdraiati in basso e il giallo aveva lasciato posto ad un verde intenso. Avrei voluto esser lì – avrei rinunciato al mio sonno – per assistere alla scena: silenziosamente un petalo dietro l’altro, con qualche volteggio, avrà lasciato la cima del suo mondo. Mi ha sorpreso e fatto riflettere. Sapevo che l’avanzare delle stagioni cambia colori al pianeta, non immaginavo però che sarebbe potuto accadere in maniera così affascinante. Tutte quelle piante sono andate avanti per giorni come il motore di una bella auto: un ritmo preciso, uniforme, costante. Nessuna correva più delle altre, nessuna è rimasta indietro.

Papaveri

In questi giorni i campi in questa zona han cambiato colore. Il rosso dei papaveri la fa da padrone e – devo dire – mi piace un sacco. Sa di passione. La terra ama quelle piante e lo dimostra così. Il giallo è concime di quel rosso intenso.

Io, in tutto questo, comprendo che non c’è legge più giusta di quella della natura. Una legge lenta, premurosa, attenta, precisa e silenziosa. Una legge cui non sfugge neanche un petalo. Una legge che, lasciandomi abbracciare, saprà dipingermi di nuovi colori.

Perché anche noi siamo natura…

Emanuele

6 commenti » Scrivi un commento

  1. Quante belle immaagini e sensazioni in poche righe!
    Conosco poche persone oltre te che riescono a concentrare in un unica persona un poeta, un pittore, un filosofo, un matematico, un tecnico, uno sportivo, un pagliaccio, un fuori di testa, un timido, uno sfrontato, uno spirituale…..E potrei continuare. Ma non ti conosco poi così bene. O meglio, conosco il blogger.
    Un’altro così è mio marito, al quale sommo, oltre a quello di cui sopra, anche tanti difetti.
    Ma sarà proprio per questo che, dopo 16 anni di vita insieme a lui, niente è mai scontato! :love:

    Continua così :joy:

    • Wow che belle parole! Grazie Giorgia… non pensavo potesse fare questo effetto questo post! Comunque si… non c’è cosa più bella dello spaziare dal sacro al profano, dall’infinitamente inutile a disquisizioni un (bel) po’ più serie ed importanti.
      Pagliaccio comunque è la descrizione più bella. Perché il pagliaccio non è mica stupido realmente. Sa come fare ridere il suo pubblico e deve lavorare e studiare tanto per farlo. Una risata però è la cosa più bella che si possa provocare. 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  2. Quando mi fanno arrabbiare sono solita affermare: “Ragazzi, una risata ci salverà!”
    Non so dove l’ho sentita, ma la sento proprio vera!

    Buona serata pagliaccio! 😉

    • E’ una parafrasi del “una risata mi seppellirà” di Terzani? Lui diceva proprio di ridere ogni volta che non si sa che fare o rispondere… 🙂
      Buona serata a te!
      Ciao,
      Emanuele

  3. :dogarf: Bravooooo! Ecco perchè che mi girava nella testolina!!! E’ lì che l’ho presa!!!! …L’ho poi anche trasformata… come faccio spesso… ma è proprio terzani!

    Grazie 1000!

  4. Pingback: Do you really want to assert that a flower can find the sun and you cannot?! - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.