Protetto, ancora.

Ricordate quando vi dicevo che mi sentivo sotto una campana di vetro? In questi giorni mi sembra che ne siano state poste, sopra la mia testa, tante altre!

Forse questa è la volta buona che quei canini, affilati,
per una volta diventano belli belli, come le spade dei soldati…

Akkura – Beddu lupu

Da Lassù ho ricevuto la fortuna di avere un’offerta di lavoro qualche settimana prima della laurea. Questo mi ha evitato di conoscere l’angoscia della disoccupazione e la difficoltà nel presentarsi in giro inviando curriculum (inclusa la noia del doverli scrivere…) che non è, assolutamente, una cosa da poco. E’ una fortuna incredibile. Ho trovato il coraggio di dirlo ad un collega solo oggi… perché mi sembrava spudoratamente egoista gioire mentre lui dovrà mettersi alla ricerca di un posto.

Oggi ho consegnato la fotocopia dei miei documenti visto che la prossima settimana torno nel mio sud… ogni giorno torno a casa con un sorriso in più e mentre guido – nella strada verso casa – sogno.

La cosa più bella è che – inoltre – la realtà lavorativa che mi sta offrendo l’opportunità è attualmente molto molto molto positiva: ambiente sereno, settore interessante, ferie, ticket pranzo, straordinari, trasferte pagate. Tredicesima e quattordicesima assicurate. Ma soprattutto farò il lavoro per cui ho studiato! Non sarà un ripiego, qualcosa di temporaneo in attesa dell’occasione d’oro…

Insomma, mi sembra di sognare ad occhi aperti, ho atteso per anni questo momento e adesso, forse addirittura fin troppo velocemente, sta diventando realtà nel migliore dei modi.

Ok, basta riflettere adesso. E’ quasi ora di cena e poi volo fuori per una birra (direttamente in un birrificio!) con due amiche! 🙂

Grazie… come dovrò mai dirtelo meglio di così…?

Emanuele

PS: la canzone potete ascoltarla in questo post… 🙂

7 commenti » Scrivi un commento

  1. Pingback: When I was a little boy I used to wonder. - …time is what you make of it…

    • Eccerto… anche perché – voglio dire – abbiamo la palla di vetro da poter decidere d’essere pessimisti?! Tutto il futuro non lo conosciamo, quindi tra le due vie… meglio scegliere quella allegra e positiva (che si vive una volta sola!).
      Ciao,
      Emanuele

  2. Eh che sai… l’ottimismo non è sempre facile da tenere ben saldo!
    A volte la vita si manifesta senza preavviso nella sua durezza e riuscire a restare allegri è cosa ardua! Ma sono d’accordo con te nel cercare di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno 😉

    • Eh ma la vita è fatta anche di eventi brutti. La differenza in una vita felice con una non felice non sta semplicemente negli eventi vissuti ma anche nel nostro atteggiamento nei loro confronti. Esistono vite agiate ma così infelici e questo dimostra proprio quanto detto. 🙂
      Ciao,
      Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.