Ed una stellina scendeva vicina vicina…

Era l’inizio degli anni ’90. Forse ’91 o ’92, non saprei dirvi con certezza. Mia sorella recitava sul palco della scuola elementare cui eravamo iscritti. Era il giorno della recita – forse di Natale -. Aveva una calzamaglia color panna, la punta del nasino colorata di nero e due orecchiette finte. Io, ancor più piccolo di lei, ricordo solo della particolarità di quel giorno, del fatto che ero il fratellino di quella bimba che sgambettava qua e là sul palco e che il teatro della scuola non aveva nulla da invidiare – nella mia mente – al Teatro Massimo di Palermo. Probabilmente avevo al collo quel papillon azzurro che mia madre amava mettermi su una camicetta bianca per le occasioni importanti.

Sembra passata una vita… e probabilmente lo è. Mia sorella oggi è mamma, io divento zio e una stellina alle 20 e 58 di questa magica sera nata! :joy:

Chissà se quel giorno, quel papillon, quella calzamaglia e quelle note, sapevano fin dove avrebbero condotto quella bimba che ballava. Chissà se quella testolina immaginava già la famiglia che avrebbe creato, il futuro che avrebbe costruito, l’amore che avrebbe donato.

Benvenuto nipotino mio! Quando imparerai a leggere voglio che tu sappia che tua madre è stata una bimba come te e per questo ho scelto di raccontarti proprio questo nel giorno della tua nascita!

A lei – mi raccomando – ricordalo sempre perché è la parte di noi più bella che esista. 🙂

Emanuele

PS: dovevo interrompere la pausa… notizie così non capitano mille volte nella vita! :joy:

14 commenti » Scrivi un commento

  1. La nascita di un bimbo è, secondo me, l’evento più straordinario a cui si possa assistere.
    La sua vita ha il potere di trasformare la vita di chiunque entri in suo contatto.
    La magia di questo momento non avrà mai fine perchè questa bimba è una scintilla dell’immenso che è venuta ad incontrare voi.
    La vostra felicità, in questo momento, è anche la mia.
    Ciao e auguri a tua sorella, a tua cognato e naturalmente a te, zietto.
    Roberta

  2. Congratulazioni a mamma, papà e tutta la famiglia! Che gioia leggere di queste notizie…sii sempre lo zio che vorresti avere 🙂

  3. augurrrrrrrrrrrrrrrriiiiiiiiiiiiiiii è una cosa stupenda vedrai man mano che cresce! 🙂

    • Innanzitutto… GRAZIE NIPOTINI MIEI… (mi chiamate zio e non posso chiamarvi nipotini?! :joy:).
      E poi, si è vero che più crescono più diventano belli… anzi secondo me l’età più sorprendente è quella da 1 a 4 anni… poi iniziano i capricci! 😛
      Comunque adesso devo studiare un po’… qual è il ruolo di zio? 😀
      Roberto, in realtà stavo pensando di insegnargli a dire “Apple” come prima parola… ci riuscirò? 😎 (e comunque si, avevi indovinato… ma mi piaceva lasciare un po’ tutti in sospeso… ;-)).
      Mao… purtroppo non è periodo questo… 🙁
      Comunque grazie davvero a tutti! :joy:
      Ciao,
      Emanuele

  4. Pingback: Struggle for pleasure. - …time is what you make of it…

  5. Pingback: Caro professore, dimenticherò tutto. - …time is what you make of it…

  6. Pingback: Devo imparare a fare le bolle di sapone giganti! - …time is what you make of it…

  7. Pingback: Scemetto. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.