Jason Mraz – I’m yours (well, open up your mind and see like me…).

Ieri sera, come vi dicevo, primo giorno di palestra, ed ho già trovato la canzone che spero di sentire spesso. 🙂

A cantare è Jason Mraz, (nuovo ma non proprio) cantautore statunitense.

Perché mi piace I’m yours?

Perché, innanzitutto, è allegra, fresca e leggera come New Soul o Bruises… 🙂

Poi perché… nel video ci sono tante cose che adoro. Gli infradito con cui viaggia che mi han fatto compagnia tutta l’estate, i tuffi dalle rocce e le riprese sott’acqua che mi ricordano la mia estate.

C’è un aereo, che mi ricorda le mie fughe a Milano… e ci sono i pesciolini, che mi ricordano il mio acquario. C’è lui che prima di andar via li saluta, strisciando il dito sul vetro… che mi ricorda i miei momenti con loro.

C’è il suo viaggiare… che ben si sposa con la mia voglia di libertà e serenità di questo periodo… e poi c’è una cosa che io adoro più di tutte. C’è lui che gioca col vento tenendo una mano fuori dal finestrino. Mi ricorda quando lo facevo da piccolo mentre mio padre guidava… e ancora, quando ci sono le belle giornate, non resisto alla tentazione! :joy:

Piccoli particolari che si intrecciano accompagnati da una melodia stupenda.

E poi… quando dice “il mio alito ha appannato il vetro, così ho fatto una nuova espressione e mi sono messo a ridere”, beh… chi non l’ha fatto mai almeno una volta nella vita? 🙂

Emanuele

9 commenti » Scrivi un commento

  1. Una delle cose che maggiormente ho sempre apprezzato di te è stata la tua capacità di essere una grande sognatore. Mi accalappiasti così quando iniziai a frequentare #dreams, fu la mia primissima chat preferita fin da subito.
    Era (dico era perchè purtroppo i bei tempi sono finiti) un punto di ritrovo pieno di magia e di sogni. Mi ricordo che tu intrattenevi sempre tutti 7 giorni su 7. 🙂
    Beh, col blog è stata la stessa cosa. Il tuo fu il primo blog che riuscì a catturare realmente la mia attenzione. Tutto il resto era noia assoluta. Oggi leggo vari blog ma il tuo regna incontrastato come mia lettura preferita.
    Diciamo che il tuo feed va a fuoco dalle mie parti, perchè lo controllo veramente molto spesso :-P.
    Devo a te se oggi sono un blogger appassionato e di questo ti ringrazio. Fosti tu a spronarmi ad aprirmi un blog.. Il mio blog si può considerare il figlio del tuo …time is what you make of it… in pratica :-).
    Non fermarti mai… bye

  2. Ti ringrazio per le belle parole Nicco… ricordo con affetto i tempi di #dreams. Adesso siamo cresciuti un po’ tutti ed è difficile riuscire a tenere viva una chat quando si passa dal pc di corsa e si cercano di unire 1000 cose.
    Il blog è un ottimo mezzo per tenere i contatti con tantissime persone, tra cui te.
    In ogni caso, #dreams non lo lascio scadere… è pur sempre qualcosa nato quasi 10 anni fa ormai. 🙂
    Riguardo all’ultima frase… ricordo con affetto una frase dei Modena City Ramblers. :joy:
    Ciao,
    Emanuele

  3. Miiiiii… la conosci da tanto io noooo! 😐
    Io l’ho scoperta ieri, tra un esercizio e l’altro, mentre sudavo tra tutti quei pesi… e m’ha messo il sorriso! 🙂
    Ciao,
    Emanuele

  4. Pingback: Iniziare bene le giornate. - …time is what you make of it…

  5. Pingback: Ubuntu 8.10 e audio surround 5.1 con ALSA. - …time is what you make of it…

  6. Pingback: Ascolta la musica del momento e balla con me… - …time is what you make of it…

  7. Pingback: Train – Hey, soul sister. - …time is what you make of it…

  8. Pingback: Highway music. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.