Ho visto cose riservate ai sognatori.

In queste settimane un paio d’amici mi prendono in giro per la fortuna che m’ha assalito dal punto di vista lavorativo.

Riassumendo: sono stato assunto prima della laurea, il contratto si è trasformato in tempo indeterminato con orario full-time da subito… e non ho neanche avuto il tempo di aggiornare il curriculum (l’ho dovuto fare dopo l’assunzione per semplici ragioni burocratiche). La vita mi ha presentato, realmente, l’occasione d’oro da non lasciarsi sfuggire e io credo – va anche detto – di aver giocato le mie carte al meglio. Nessuno ti fa firmare certi contratti se non ha annusato qualcosa di buono… 🙂

Intanto, nonostante tutto questo, ieri mi chiama un’altra grande azienda. Hanno selezionato il mio curriculum attraverso un circuito post-universitario in cui finiscono tutte le carriere dei laureandi e avrebbero voluto incontrarmi per un colloquio, per offrirmi un periodo di prova con finalità… contratto a tempo indeterminato.

Ecco, io ringrazio ogni sera Dio per quest’abbondanza. Perché in altri settori la gente fa la fame, cerca e si dispera per anni e immagino quanto dev’esser brutta la paura e l’angoscia di non potersi sistemare mai. Ovviamente ho risposto che per meno di un tot di bonus non avrei mai cambiato lavoro… ma in realtà l’ambiente in cui mi trovo per ora è così piacevole (sia professionalmente che umanamente) che con difficoltà mi muoverei da lì!

In ogni caso han ragione i miei amici quando scherzano che se continuo così tra un po’ mi ritroverò con l’auto e il posto auto per dirigenti, i ticket-pranzo di livello superiore, una stanza solo mia e così via…! Ovviamente non è vero ma, in questo periodo, c’è una mano che dall’alto mi sta facendo provare emozioni indescrivibili. Quanti neolaureati si permettono di scegliere con tale serenità dove lavorare?

Non so che ho fatto o che farò per meritare tutto ciò, ma questo “giro di ruota” sta toccando cieli mai immaginati. 🙂

Emanuele

5 commenti » Scrivi un commento

  1. Bisogna proprio dirlo: é il tuo momento 😉
    Grazie perchè condividi con noi sempre le tue avventure, belle o brutte che siano 🙂

    Un abbraccio!

    • Lo chiamerei anch’io “momento” se durasse da qualche settimana… ma sono già alcuni anni che a me, tantissime cose, girano bene! E’ incredibile… non so se io c’entri qualcosa o sia tutto frutto del caso (volere di Dio… :-)). Intanto mi affido a questo vento caldo e vado avanti… 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  2. Pingback: Diciotto santi in Paradiso. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.