Questo è il tempo di saltare…

Una volta chiesi una biciclettina acrobatica. E oggi? Oggi, che dovrei chiedere? :joy:

Ieri ho fatto il monello. Ho fatto un esame e non ve l’ho detto… avevo voglia di cullarlo prima di vederlo esplodere in mille colori.

Oggi sono arrivati proprio quei colori. I colori di una materia che avevi già rifiutato perché volevi di più.

Una materia con un ventisette confermato dal professore mentre scendi per le scale insieme a lui. 🙂

Qualcosa che è incredibile da raccontare e ancor più bello da considerare realtà.

Intanto è qui… e così anche Febbraio (che era già iniziato con due notizie che valevano diciottomilaseicentocinquantatré settimane di felicità) finisce col sorriso sulle labbra.

Sto scrivendo una storia che… un giorno voglio fare a gara con Edward Bloom, il protagonista di quella fantastica storia che è Big Fish (vedetelo, vedetelo, vedetelo!). 🙂

Emanuele

PS: per “festeggiare” ho passato il pomeriggio a studiare e stasera avrò una riunione scout… 😐

3 commenti » Scrivi un commento

    • Ti svelo un segreto. Per ogni esame passato ho una colonna sonora d’obbligo. Sarà la gioia, sarà che mi piace da matti* ma… puntuale, quando firmo un esame ascolto Viva la vida dei Coldplay. Ormai è un rito che, forse anche per scaramanzia, non mi faccio mancare. L’ho in macchina sempre con me e così quella è la colonna sonora di quando torno a casa… e quando arrivo apro sempre iTunes e ho ancora voglia di ascoltarla (a palla…).
      L’altro giorno non sono andato a cercarla nella playlist generale ma ho usato il campo di ricerca: “viva la vida”. iTunes mi trova tutto un album dei Coldplay, una versione live e… anche un intero CD dei Modena City Ramblers… mentre scrivevo e ascoltavo Viva la vida è partita anche quella e mi ha dato le parole giuste per il titolo del post! 🙂
      C’hai azzeccato in pieno… 😉
      Ciao,
      Emanuele

  1. Pingback: Nell’arco di un respiro il suo odore. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.