Spostare OS X da un hard disk ad un altro.

Qualche giorno fa ho cambiato hard disk al mio Macbook. Ho comprato un enorme (per i prossimi 6 mesi…) Seagate Momentus 5400.6 SATA da 500GB con G-Force protection.

L’operazione di sostituzione dell’hard disk è descritta in maniera chiara e concisa su questo documento creato dalla Apple stessa.

Non è necessario essere ingegneri per cambiarlo in quanto è sufficiente togliere la batteria e svitare 3 vitine (tempo totale necessario: 15 minuti facendo con calma).

Il vero problema era spostare tutti i dati dall’hard disk di origine a quello nuovo.

Uso Time Machine regolarmente e mi è stato utile di tanto in tanto per recuperare qualche file cancellato per errore. Tra le possibilità di utilizzo vi è anche quella di ripristino totale di un sistema dopo l’installazione del sistema operativo su un nuovo hard disk.

Io però non volevo perder tempo ad installare OS X nuovamente (anche perché, dopo due anni, funziona ancora egregiamente e formatterò solo quando – tra qualche giorno – avrò Snow Leopard tra le mani…) così ho cercato un software per copiare l’intera immagine del mio hard disk su quello nuovo.

SuperDuper! screenshot

Ho scoperto SuperDuper!, un semplice programma per effettuare backup incrementali e non per tutti coloro che non usano Time Machine (ma perché non usarlo?!).

Grazie ad un bay da 2,5″ esterno ho trasferito via USB tutti i dati verso il nuovo hard disk e SuperDuper! lo ho anche reso “bootable” (in pratica l’EFI del MacBook lo riconoscerà come disco di avvio). Il tempo necessario a concludere l’operazione dipende da quanti dati contiene l’hard disk ma alla fine del processo, il disco, è pronto per esser montato sul vostro MacBook.

Comodo, veloce, stabile. Consigliatissimo. 🙂

Emanuele

15 commenti » Scrivi un commento

    • Eh… appena arriva a Claudio! Passeremo un pomeriggio insieme al leopardo della neve! :joy:
      Ciao,
      Emanuele
      PS: tu hai fatto una installazione pulita?

  1. Avevo un leopard sporchissimo, ma gli ho installato snow leopard di sopra e adesso è velocissimo! Io non ti consiglio di fare un’installazione pulita, mica siamo su windows 😛
    Al massimo ti rimane nella cartella Libreria qualche cartella con i settings di vecchie applicazioni che hai cancellato come succede su Linux, ma non appesantiscono il sistema e non fanno nessun danno.

    • Sisi lo so che non rimane nient’altro oltre qualche .plist inutile… però è proprio l’idea di ripartire da zero nuovamente. In fin dei conti, come scrivevo, OSX non l’ho mai formattato da quando ho acquistato il Mac. Al momento non ho mai avuto alcun bisogno di farlo ma forse è giusto azzerare anche i plist, non averne versioni obsolete (che magari obbligano SL a lavorare in maniera alternativa *per compatibilità*) e così via.
      Tanto ci vuol poco a salvare ciò che ho nella Home… no? 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  2. Fai come vuoi, ma secondo me se formatti perdi soltanto due giornate in più a ripristinare backup e tutti i programmi che ti servivano, piuttosto che ad ottenere qualcosa di veramente utile. Al massimo se non ti è piaciuto l’aggiornamento poi puoi sempre formattare. 😉
    E poi vuoi mettere la soddisfazione di rinfacciare ai windowsari che dopo n anni di utilizzo del tuo mac senza mai formattarlo, questo è addirittura più veloce del giorno in cui l’hai comprato? 😎

    • In realtà son curioso di vedere *nuovamente* il sistema come uscito dalla fabbrica… con le impostazioni da personalizzare e tutto. Purtroppo il tempo è sempre poco e così non ho un pomeriggio da dedicare (più che altro il tempo per trasferire avanti e indietro oltre 100GB…).
      Immagino che neanche tu formatterai… 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  3. Ovvio… o almeno… se non incontro problemi non formatterò… in effetti non essendoci, per esempio, dll come su windows da registrare ogni volta, ma solo semplici file di configurazione (per il 99% delle app) è difficile avere il sistema OS incasinato… a meno di smanettamenti folli 🙂

    • Si beh, in linea di massima è così. Qualche registrino (mini-db) li ha anche lui ed è per questo che son curioso di vederlo pulito pulito. In realtà però cambierà poco probabilmente… (magari risparmio qualche mb di meta-informazioni ripulite…).
      Ciao,
      Emanuele

  4. Ciao Emanuele! Grazie dell’info! Anche io vorrei ampliare il mio hard disk del macbook ma avrei due domande:
    -ci si può “fidare” di questo programma in termini di affidabilità del sistema operativo?Hai notato delle differenze, rallentamenti ecc…?
    -i dati che hai nel vecchio hard disk non li tocca vero?
    Grazie mille per le risposte
    Ciao!!

    • Ciao Andrea… l’affidabilità del sistema operativo non dipende dal trasferimento: se i file vengono passati tutti, perché mai non dovrebbe funzionare? Comunque OSX continua a lavorare egregiamente se è questo quel che vuoi sapere! Eventuali (inesistenti?!) rallentamenti non saprei calcolarteli anche perché qualche giorno dopo son passato a Snow Leopard.
      No, il vecchio hard disk rimane intatto: se non ti soddisfa il cambio, lo colleghi nuovamente e fai finta d’aver giocato. Io ho tenuto i dati fermi per alcune settimane, poi ho formattato il disco (sia perché mi serviva, sia perché il backup era diventato obsoleto).
      Ciao,
      Emanuele

  5. Pingback: Unstoppable Snow Leopard. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.