Interludio.

Sto per andare a letto ma sono felice e soddisfatto. I miei pensieri devono scorrere in silenzio questa sera perché c’è anche il nipotino e abbiamo l’obbligo t-a-s-s-a-t-i-v-o di vivere col tasto mute acceso non appena lui chiude gli occhi. Non ho ancora capito se devo trattenere anche il respiro, ma nel dubbio, vado di tanto in tanto al balcone.

Comunque. Sono arrivati e hanno riempito la casa. Ci sono valige ovunque, son servite due macchine per trasportarli dall’aeroporto a casa ed è bellissimo anche questo.

Ho passato la giornata facendo pulizie. Ho lavato vetri, pavimenti, tappeti, mobili, persino le cornici dei quadri e i ripiani del frigorifero. Ho preparato cinque letti e organizzato le tovaglie per il volto nei bagni. I miei genitori non rimettevano piede in casa da Gennaio e volevo regalargli lo splendore. Sarà tanto, sarà poco, non so. Intanto l’hanno apprezzato e mia madre mi ha persino chiesto cosa avessi usato per i pavimenti tanto era il buon odore. 😎

Non gliel’ho ancora detto ma nel pomeriggio mi si è rotta una bottiglia di vino bianco (nuova, chiusa… è volata dal frigo!), forse era questo il segreto, non so, intanto non provate che mi sembra proprio un grosso spreco usare il vino bianco per i pavimenti… 😀 (e poi ho scoperto che il vetro delle bottiglie ha il brutto vizio di cospargersi nel raggio di 200 metri).

Ieri sera ho fatto le tre di notte per concludere la presentazione della tesi. Forse domani, in facoltà, sarò l’unico che non ha passato il giorno prima a rivederla, ripassarla, ripeterla. Eppure mi sembrava giusto metterla di lato per abbandonarmi ai pensieri più felici. Per Vivere la mia famiglia.

Sto andando a letto, ma son proprio felice. L’unica nota stonata di oggi è la mia tosse: mi sembra quasi una punizione rivedere mio nipote e non poterlo tenere in braccio…

Emanuele

6 commenti » Scrivi un commento

  1. Mao essì, si prendono qualche giorno di vacanza… e poi devono aiutarmi a scegliere che mettere coi confetti che non ho proprio idea io (e mi annoia da morire dover girare per ste cose, fosse per me eviterei tutti sti riti… :-D).
    SuperDelly, sai, io sono convinto che quando uno sa parlare correttamente in italiano e sa bene di cosa sta parlando, difficilmente è necessario preparare un discorso, al massimo è giusto razionalizzare i concetti da non dimenticare, ma già per questo le slide bastano e avanzano. Oggi un mio collega è andato a chiedere delucidazioni su alcune cose che LUI aveva scritto sulla tesi. Non le aveva chiare… sempre per quell’orrendo problema: la sua tesi è la traduzione di un paper scientifico. Traduzione.
    Io tra qualche giorno rivedo un po’ ciò che devo dire e poi amen… tanto dopo i primi 10 minuti della sessione quasi non ascoltano più neanche i parenti… 😀
    monachella, problema risolto! 😉 Comunque è bellissimo… quando sorride poi è incredibile. Sembra che la natura metta una bellezza in più al sorriso di un bambino. Nessuna modella dal volto spettacolare può mai raggiungere certi livelli, è assurdo! :love:
    Ciao,
    Emanuele

Rispondi a SuperDelly Annulla risposta

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.