Non andrò via presto.

Ho appena rinnovato per altri 2 anni l’hosting su HostingZoom. Il dominio invece è assicurato fino al 2013 già da un po’… così, almeno per altri 24 mesi è sicuro che il web dovrà sopportarmi. 🙂

Ho scelto di confermare fiducia ad HostingZoom perché il traffico di questi mesi, 32 GB a Settembre, 29 ad Ottobre con 40071 visite nell’ultimo mese solare (avete superato Settembre!) non sembra averlo preoccupato più di tanto ed ha retto senza grosse difficoltà. Inoltre il cambio euro-dollaro continua ad esser favorevole e mi hanno sempre rimborsato le ore di downtime occorse nel tempo. Squadra che vince non si cambia e questo blog è destinato ad invecchiare come una bella bottiglia di vino (annata 2003).

Emanuele

16 commenti » Scrivi un commento

  1. Buongiorno,

    il mio nome è Benedetta e faccio parte dello staff del sito di Smilla ( smillamagazine.com ), un aggregatore che offre una rassegna stampa quotidiana degli articoli pubblicati su siti di informazione e blog inerenti il mondo della tecnologia e del web in generale.

    Mi permetto di contattarti dopo aver scoperto il tuo blog , che contiene articoli che rispondono perfettamente ai nostri criteri di pubblicazione e che quindi potrebbero essere inseriti nel nostro sito.

    Il funzionamento di Smilla è molto semplice: una volta che un blog si iscrive sul nostro sito estrapoliamo per ogni articolo pubblicato un brevissimo snippet o breve riassunto che dir si voglia, del testo, pubblicando così una notizia incompleta che può essere letta nella sua versione integrale, seguendo il link apposto alla fine.

    Ti ricordo che gli aggregatori di notizie sono un prezioso strumento per accrescere la popolarità di ciascun blog citato poichè includono sempre un link diretto al post originale generando visibilità, popolarità e traffico. Ogni articolo aggregato su Smilla appartiene al legittimo autore e ne viene comunque indicato il link per risalire al post originale. In nessun caso SMILLA pretende di rubare contenuti altrui, ma spera di offrire un servizio d’informazione organizzata e sistematica per velocizzare la diffusione e la propagazione dei contenuti stessi.

    Sperando che il progetto di Smilla possa interessarti, rimango a disposizione per qualsiasi dubbio o richiesta di informazione.

    Per l’iscrizione su Smilla è sufficiente compilare il modulo raggiungibile all’url: smillamagazine.com/aggiungi_sito.aspx

    Cordialmente

    Benedetta S.

    P.S: scusa per aver utilizzato il form dei commenti ma non ho trovato una sezione contatti

  2. Cara Benedetta, innanzitutto grazie per la visita e per l’esauriente presentazione del Tuo lavoro. Mi permetto però di criticare il tuo impegno in alcuni aspetti. Spero vorrai accettare le critiche che – personalmente – accolgo sempre perché fanno crescere:
    – innanzitutto, quando ci si presenta, è brutto (e te lo dico perché sul web ci *vivo* da una dozzina d’anni) riempire direttamente di link il proprio commento perché sia i sistemi di antispam che i gestori dei blog identificano il commento come spam. Il tuo l’ho voluto “salvare” io, per pura gentilezza ma era già finito tra i messaggi cattivi.
    – Seconda cosa, mi dispiace vedere che usi del testo pre-formattato: credere che quanto scrivi sul mio blog sia vero mi viene realmente difficile. Se provi a cercare su Google una qualsiasi stringa del tuo commento trovi già, al volo, oltre 100 altri blog in cui è stato inviato un commento identico. Ergo, il testo sopra è pura pubblicità, puro spam copia-incollato un po’ ovunque.
    – Terza cosa, da queste parti capiti male. Conosco il web abbastanza bene (sono un ingegnere informatico) e quando il tuo bell’aggregatore ha preso vita (nella primavera del 2009) il mio blog aveva già vari anni di vita, così il vantaggio nell’inserire contenuti sulle vostre pagine, più che mio è vostro. Il pagerank del dominio da voi gestito è nullo, il mio è stato per molto tempo pari a 5, per poi passare e stabilizzarsi, ad oggi, su 4. Non vedo alcun vantaggio nemmeno, in puro termini di valore dei backlink in tale contesto. Allo stesso modo l’anzianità del vostro dominio, un altro fattore interessante da analizzare in ambito SEO, non garantisce alcun vantaggio in tal senso.
    – Gli aggregatori – volendotela dire tutta – offrono un servizio quasi inutile al pubblico. I blog hanno la possibilità di esser seguiti, comodamente, tramite feed e ogni utente potrà gestire le proprie personali fonti senza dipendere da quelle gestite da un aggregatore. L’unico attore della scena che, nuovamente, può avere un ritorno è l’aggregatore che con contenuti altrui (che i motori di ricerca indicizzeranno) guadagneranno soldi passivamente attraverso l’inserimento di pubblicità (che vedo da voi non mancano già). Se posso permettermi, inoltre, mi dispiace vedere che le scommesse imprenditoriali italiane, sul web, si limitano al lancio di servizi con format già noti senza offrire nulla di realmente nuovo.
    – Infine, e mi dispiace dirtelo, dai log d’accesso (che mi son premurato di controllare) mi sono accorto che non hai assolutamente preso visione dei miei contenuti (se non quelli inseriti nella pagina principale) e non hai notato che in alto è indicata la pagina per contattarmi privatamente: posso pensar male e credere che la tua fosse solo voglia di pubblicizzare il più possibile il tuo prodotto?
    Per questi motivi ti ringrazio (ma non hai neanche avuto l’accortezza di iscriverti alla discussione per aspettare la mia risposta) e declino a gran voce la proposta. Ti auguro di crescere, non solo come portale e come servizio web ma anche come educazione e approccio che, rispetto alla vendita porta-a-porta automatizzata che si può avere nella realtà (che non so dirti, tra l’altro, quanto possa rendere), su internet paga davvero poco.
    Ciao,
    Emanuele

  3. Bravo Emanuele, analisi completa da ottimo informatico 😉
    E complinenti per le cifre! Davvero, mai avrei pensato che questo blog personale potesse avere così tante visite e traffico mensile.
    Sicuremente ci sarà dietro un ottimo lavoro in ambito SEO

    • Grazie mille Matteo. Ogni tanto mi diverto a spender due minuti per rispondere a tono a certe richieste – palesemente – di spam. Solitamente le cestino direttamente. 🙂
      Sarà che sul web ci son cresciuto e ormai so riconoscere bene certe cose… comunque i numeri sorprendono anche me. In ambito SEO ho messo quel poco che so e credo che il vero segreto sia, semplicemente, avere sensibilità e attenzione verso l’uso di certi strumenti (eppure c’è gente che si vende come SEO-specialist come se fossero dei maghi…). Non mi sogno mai di ottimizzare i titoli o di pesare il numero di parole più ricorrenti in un testo. Sarebbe assurdo, limiterei la mia voglia di scrivere, discutere, confrontarmi. Forse è proprio la naturalezza ad esser apprezzata…!
      Ciao,
      Emanuele

  4. Caro Emanuele,
    mi chiamo Emiliano e sono uno dei responsabili del progetto Smilla. Ti ringrazio vivamente della risposta esauriente data a Benedetta e dato che hai avuto così enorme piacere a rispondere permettimi di replicare punto per punto a quello da te scritto.

    Prima di iniziare a dibattere sulla tua risposta però ti devo muovere una critica: mi spiace molto che tu abbia reso pubblico un commento che era un invito strettamente privato e personale, inviato manualmente dalla email di benedetta e non da un bot o altro marchingegno simile.

    Tutti sanno che il 98% dei blog ha i commenti sottoposti alla moderazione dell’amministratore e quindi era logico attendersi la non pubblicazione di questo invito. Inoltre secondo me avresti dovuto rispondere privatamente a Benedetta almeno una prima volta e solo se la risposta non fosse stata esauriente o se noi non ti avessimo risposto per nulla rendere pubblica tutta la faccenda. Mi piace pensare che lo hai fatto solo per denunciare un certo tipo di pubblicità che non condividi e non a schernire un progetto che non reputi degno del tuo sito o solo per dimostrare la tua “bravura informatica” ai lettori.

    Ma veniamo alla tua risposta: per quanto riguarda la critica di spam mi permetto di dissentire. Per spam s’intende l’invio di grandi quantità di messaggi in maniera indiscriminata e automatica, e questo non è sicuramente il caso nostro perchè ogni blog che abbiamo contattato lo abbiamo fatto dopo che una redazione di 3 persone ha recensito il sito e lo ha ritenuto idoneo a poter essere aggregato. E inoltre il contatto avviene sempre in maniera manuale, privata e personale. Il fatto che tu abbia visto nei log Benedetta visitare 1 o 2 pagine del sito è normalissimo e corretto: questa ragazza ha il compito ultimo di contattare il blogger in uno dei modi consentiti dal sito, ma ti assicuro che nei giorni precedenti alcune persone hanno visitato il tuo blog e lo hanno apprezzato per i suoi contenuti e ritenuto idoneo a poter essere incluso in Smilla.

    Secondo punto: Smilla è un sito nato il 7 Luglio scorso e non dalla primavera del 2009. Nella primavera del 2009 è stato solo registrato il dominio ma poi completamente abbandonato fino al momento in cui lo abbiamo messo online. Bastava risalire al primo post pubblicato oppure andare su alexa http://www.alexa.com/siteinfo/smillamagazine.com per capire come stavano le cose. Ti dico questo per comunicarti che il pagerank (sulla cui utilità ci sarebbe da discutere) non è pari a zero ma è molto più alto, purtroppo in questo momento -dato che esistiamo ufficialmente da poco piu di 3 mesi- non siamo stati ancora pubblicati da Google.

    Per quanto riguarda l’inutilità degli aggregatori, posso solo rispettare la tua opinione anche se poi non capisco perchè tu sia iscritto a il bloggatore.

    Sulla pubblicità invece ti sbagli enormemente: se tu avessi visitato un po più attentamente il nostro sito avresti notato che alla pagina http://smillamagazine.com/guadagna_con_smilla.aspx diamo la possibilità ai nostri iscritti di poter guadagnare con i loro annunci adsense tramite un’iniziativa di revenue sharing.
    In pratica i nostri iscritti possono pubblicare i loro annunci adsense nelle pagine che li riguardano.

    Infine, sulle “scommesse imprenditoriali Italiane” ti do pienamente ragione. Il nostro sito non è sicuramente una novità (e non pretende neanche di esserlo) ma il primo passo verso un progetto molto più ampio su cui abbiamo intenzione di investire, e che ci vedrà impegnati (spero) per i prossimi anni.

    Ciao

    Emiliano

  5. Ciao Emiliano. Innanzitutto mi fa piacere vedere che la mia proposta di dialogo non sia rimasta inascoltata (però il dubbio che sia arrivata semplicemente perché son venuto a segnalarvi la risposta mi rimane).
    Riguardo al commento pubblico non capisco la critica, è stata una scelta di Benedetta quella di utilizzare il form dei commenti e non il modulo per i contatti privati. Ogni commento, moderato o meno, è dato per scontato che voglia finire pubblicato e non censurato: oppure ci si aspetta un uso diverso dell’area commenti? Tra l’altro dire “direttamente dall’email” ha poco senso in quanto non vi è modo di interfacciarsi via e-mail all’aera commenti di questo blog (nessun sistema XMLRPC attivo in tale direzione). Akismet aveva già segnalato il commento come spam (attento, se i database iniziano ad indicizzare il vostro url come parola chiave in blacklist la vedo dura pubblicare altri commenti simili facilmente…: non è una bella pubblicità!).
    Inoltre “tutti sanno che il 98% dei blog ha la moderazione attiva” è una balla (scusa per la crudezza del termine) colossale. Semmai è verissimo il contrario, tant’è che sistemi come Akismet sono nati proprio per automatizzare il filtraggio che – di default – non è attivo su WordPress. Non farmi dubitare che Benedetta non abbia riconosciuto la piattaforma utilizzata (un occhio esperto da pochissimi elementi) su questo blog per poi venirmi a fare una descrizione – interessantissima – sugli strumenti del web e la condivisione dei contenuti.
    Mi fa piacere leggere che il mio blog sia stato selezionato ed approvato da ben tre persone prima di esser ritenuto interessante ma – e lo ripeto – utilizzare un testo preformattato, standard, in cui si cambia esclusivamente il nome in alto non rappresenta un bel biglietto da visita. Come si può credere che ciò che è scritto sia vero? Mi è risultato vero tanto quanto le pubblicità sui giornali in cui scrivono enorme “perché TU vali!” e credo che potrai concordare con me.
    Riguardo lo spam, non avete utilizzato alcun bot (e sarebbe stato gravissimo altrimenti), ma ritrovare su 100 e oltre blog lo stesso identico commento mi sembra possa essere assimilabile. Inoltre, ma non ho tempo per controllare, immagino ti sarai già lamentato negli altri 100 blog che gli autori hanno “sbagliato” a pubblicare il commento inviato da voi, vero? 🙂
    Riguardo al progetto, ognuno scommette come vuole e non posso che augurarvi il successo che meritate, ma – personalmente – continuerò a sostenere che gli aggregatori (solitamente quando si tratta di sistemi come il tuo o come Il Bloggatore) rimangono decisamente inutili o finti strumenti d’utilità sociale che, in realtà, cercano solo guadagni facili. Non so che progetti abbiate, io avrei scommesso in altri settori, tutto qui.
    A proposito del pagerank invece, posso anche concordare sui dubbi circa la sua utilità, ma tanté che Google continua a tenerlo in piedi e ad aggiornarlo regolarmente. Sicuramente non ha più lo stesso peso di quanto non ne avesse dieci anni fa (a magior ragione adesso che Google è passata a Caffeine, il nuovo motore di indicizzazione), però è – pur sempre – un indicatore di popolarità del dominio. Durante la prossima Google Dance il pagerank del vostro dominio, sicuramente, subirà un incremento.
    Per il resto, è stato un piacere dialogare e rimango disponibile per ulteriori confronti. 🙂
    Ciao,
    Emanuele

  6. Caro Emanuele

    solo per dirti e ti sfido a controllare che nessuno degli altri “100 blog” a cui ti riferisci si è mai lamentato del fatto di aver lasciato come commento un invito. Addirittura molti ci hanno ringraziato del fatto di avergli fatto notare che non avevano nè un’email nè una sezione di contatti attiva e funzionante.

    Comunque Benedetta si è sbagliata e di questo mi scuso, ma ti informo che dal 7 Luglio noi abbiamo contatto più di 2000 blog e tutti e ti garantisco tutti sono stati selezionati e visionati.

    L’ironia sulle 3 persone che hanno visionato il tuo blog è fuori luogo dato che sai benissimo che 3 sono le persone che compongono la redazione, ma chiaramente non tutti e 3 hanno letto il tuo blog.

    “direttamente dall’email” significa che avrei potuto compilare il form dei commenti utilizzando un bot ma sicuramente non rientra nelle nostre attività.

    Buon fine settimana

    • Sono ben felice che le cose siano andate diversamente altrove. Permettimi, presuntuosamente, di pensare però che molti blogger contattati fossero alle prime armi o comunque non net-addicted quanto un’altra parte di blogosfera che, son convinto, ti avrebbe dato la mia stessa risposta. In ogni modo è stato un piacere confrontarsi, vi auguro di avere successo e di riuscire a portare a termine i progetti di sviluppo che avete in mente. 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  7. Ma dovevo moderartelo questo commento? Scusami ma io faccio parte del 2% dei blog mondiali che non modera i commenti… 😛
    Ciao,
    Emanuele

  8. Ma anche oggi sveglio a quest’ora? 😀 Comunque si, sono rimasto basito che il mio commento sia andato in onda senza una preventiva forma di comunicazione interpersonale con il mittente dello stesso. Suggerirei di interloquire per interposta persona al fine di risolvere la contestazione in maniera impersonalmente personale (il burocratese una volta mi veniva meglio, sob)

  9. Eh, dovrò mettere due sveglie: una per alzarmi e una per andare a dormire. Che poi ieri ho pure fatto le tre. In questo periodo mi ricarico con poco forse… comunque sai che puoi inserire i tuoi adsense nei miei commenti? Dopo che io elimino ogni sorta di backlink dalle pagine però (i link scritti nei loro commenti vengono convertiti in TESTO… alla faccia dei progetti 2.0 di “condivisione”). No… ma sono io, sai, gli altri 99 blogger non si son lamentati dello spam e sono pure corsi ad iscriversi… (e sono così galantuomo che da questa pagina gli regalo qualche backlink, nel primo commento mi son indispettito e li ho tolti).
    Ciao,
    Emanuele

  10. Le ore piccole ti fanno ancora più cattivo :timid: Meglio dormirci sopra va… che ti aspettano giorni di fuoco!

  11. Ah forte, il mio commento dal loro sito è scomparso. Forse dovevo specificare che era un commento e non una email-privata-non-spam. 😆
    Ciao,
    Emanuele

  12. Non so come sono finito qui (devo smettere di bere all’ora di pranzo). Ma ho visto che smillamagazine.com ha chiuso i battenti 🙂 Li hai proprio stroncati!

    • Eh camu, un progetto che parte con quei presupposti è difficile che vada lontano. Lo considero più un esperimento speculativo che un vero piano per proporre sul web qualcosa di utile. Probabilmente non ha reso come si aspettavano…
      Ciao,
      Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.