578 pagine.

Copertina del libro: "Un altro giro di giostra" di Tiziano TerzaniCome vi avevo detto… ormai il libro da leggere era deciso.

Ieri pomeriggio, subito dopo l’università, ho fatto un salto in Vespa alla Feltrinelli e dopo averla girata in lungo e in largo, dopo essermi perso tra narrativa, letteratura, filosofia, classici, architettura e soprattutto reparto bambini, ho trovato finalmente il libro che cercavo. 🙂

Sarà lui ad accompagnarmi nei prossimi mesi (il tempo per leggere è poco ma la volontà c’è!).

Un altro giro di giostra sembra essere un altro libro-capolavoro di Tiziano Terzani, una mente brillante che l’Italia del secolo scorso ha saputo perdere (l’ennesima direi) non offrendole lavoro.

Avevo ancora sete delle sue parole e non potevo perdermelo.

Riuscire a guardarsi con gli occhi di un sé fuori da sé serve sempre. Ed è un esercizio, questo, che si può imparare.

Bastano già alcune righe della prima pagina per farmi rendere conto che sarà l’ennesima bella avventura.

Un altro giro di giostra l’avevo scoperto l’anno scorso e ve l’avevo presentato con un’altra bellissima frase… perché in fondo, la vita, è strapiena di belle avventure. Sta a noi saperle cogliere! 🙂

Sfogliare un libro èsicuramente – una di queste.

Emanuele

4 commenti » Scrivi un commento

    • Con Repubblica e il Corriere ha avuto collaborazioni. Finiti gli studi bussò un po’ ovunque, tanto che andò a lavorare persino all’Olivetti. Poi – inseguendo i suoi interessi – decise di partire. In Germania trovò lavoro in un giornale e fece l’inviato, prima dall’America e poi dall’Asia. Lui stesso si lamenta dell’impossibilità di trovare un posto qui!
      Ciao,
      Emanuele

  1. Pingback: Ritorna il piumone. - …time is what you make of it…

  2. Pingback: A mare (che invece, se muovi corpo e anima, devi scrivere amare). - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.