L’ora d’aria.

Quando Gesù proclamò le Beatitudini non stava parlando a eroi e non voleva creare superuomini, ma parlava a gente semplice e voleva indicare la strada maestra per una vita pienamente vissuta. E questo non vuol dire una vita sempre realizzata secondo i canoni del potere e del benessere, ma un’esistenza che riconosce i propri limiti, che si apre alla misericordia, ricevuta e donata, e che non ricambia i torti con la stessa moneta.

Don Tiberio Cantaboni

Non so se sia perché in questo periodo vado a Messa due volte ogni domenica (una volta con gli scout, una con i miei), però quel momento, soprattutto il secondo – la sera – sta diventando per me un’ora magica.

E’ un intervallo da dedicare all’Ascolto, al silenzio, al… rallentare. Si lascia tutto ciò che si ha da fare per non mancare l’appuntamento. La frenesia scompare.

Ritrovo me stesso, ho il tempo per riflettere su tantissime cose e torno a casa sempre molto carico.

Credo che sia difficile spiegare la sensazione che provo se non la si vive in prima persona. Intanto sono quasi sicuro che la forza per affrontare la settimana successiva arrivi quasi tutta da li. 🙂

Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.