A mare (che invece, se muovi corpo e anima, devi scrivere amare).

Oggi giornata molto rilassante. La scusa di un compleanno da festeggiare è stata l’occasione perfetta per rilassarsi un po’ a mare e poi pranzare fino a sfondarsi con gli amici.

La pelle adesso è arrossata, ma è bello vederla così: sa di vita, di onde, di sabbia, di movimento.

E a proposito di movimento, oltre quello esterno – che non mi tiene mai fermo – da alcuni giorni ne sento uno interno, uno di cui ancora non vi ho parlato perché non trovo le parole giuste. Forse, come al solito ormai, le migliori potrebbero essere “sono felice“, però riguardano le mi scelte, i miei progetti, il mio futuro, così non mi va di ridurle a tale contrazione. Vedrò di trovare, se riesco, le parole migliori da far rotolare su queste pagine.

Adesso vado a sdraiarmi, prendo il mattone e leggo finché non mi addormento. Domani si studia! 🙂

Emanuele

3 commenti » Scrivi un commento

  1. Pingback: Leggermi… dentro. - …time is what you make of it…

  2. Pingback: Amami. Amemi. A me mi. - …time is what you make of it…

  3. Pingback: La mosca bianca. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.