E’ una notizia negativa?!

Qualche giorno fa un mio amico m’ha fatto proprio la domanda del titolo.

Era preoccupato per un mancata risposta e non sapeva come comportarsi.

Beh… quando una cosa può definirsi negativa?

Gli ho risposto che si può dire che qualcosa sia negativa solo quando – in qualche modo – siamo riusciti a conoscere il futuro ed effettivamente possiamo ricondurre certe difficoltà a quell’evento.

Nessuno ha la palla di vetro sfortunatamente e così nessuno può conoscere, in anticipo, ciò che si dimostrerà una sfortuna e ciò che invece si tramuterà in altro!

E’ per questo che bisogna sorridere sempre e comunque. E’ per questo che nulla deve spaventarci.

E poi… cerchiamo di essere uomini di Fede. Io credo che se Dio ci prospetta qualcosa, è sempre perché sa che, in qualche modo, ci farà bene. E’ ovvio, non tutte le strade che prendiamo conducono in Alto, però senza dubbio la possibilità di scelta e la facoltà di cambiare ogni giorno… quella si, quella viene proprio dall’Alto!

Sono molto felice della mia vita in questo periodo. Ho tanti sogni, ma non credo minimamente che questo sia un periodo sfortunato per il sol fatto che non si sono ancora realizzati tutti.

Non mi aspetto neanche che cambi prima possibile o cose del genere. Sono nelle Sue mani e so che quando sarà il momento giusto, ci saranno novità.

Insomma, scherzandoci sopra, è come se avessi regalato la mia agendina a Dio… e Lui la mattina mi organizza gli incontri, le difficoltà da affrontare e le gioie della giornata.

Dovremmo saper vedere Dio come nostro segretario di fiducia.

Molto spesso invece, pretendiamo di fare il suo lavoro… 🙂

Emanuele

5 commenti » Scrivi un commento

  1. Pingback: These streets. - …time is what you make of it…

  2. Pingback: Voglio trovare un senso a questa vita… - …time is what you make of it…

  3. Pingback: I want to thank you all! - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.