I just want to know who I am…

Nota cellulare - I just want to know who I am.Il 10 Ottobre 2007, scrivevo, tra le note del mio cellulare, quel testo che vedete nel titolo.

Era un periodo un po’ scombussolato ed io avevo bisogno di capire chi fossi. Quella notte non riuscii a dormire, era un periodo terribile che adesso sembra quasi un lontano ricordo.

Ricordo che mancavano miliardi di paletti dentro me che non riuscivo ad identificare. Mi sembrava di vagare sempre in qualcosa di indefinito, qualcosa che non riusciva ad andare avanti. La mia vita era ferma li.

Così, decisi che dovevo prendere in mano, e con coraggio, la situazione.

Ad Aprile il disclaimer del mio blog cambiò, e nuovamente cambiò a Luglio.

Pian piano sono arrivato a questo periodo, in cui tutto sembra quasi rose e fiori. Precisiamo però: come tutte le rose, anche le mie giornate hanno alcune spine, probabilmente però ho imparato, da bravo floricoltore, a non pungermi più del dovuto.

La vita è una palestra e come tale i risultati si vedono sulla lunga distanza.

Adesso finalmente sto iniziando a vedere qualcosa di più concreto. Mi piace ciò che sono e credo – in piena obbiettività – di star facendo del mio meglio per costruire in maniera solida il mio futuro.

Non è ancora abbastanza però. Quel testo andava oltre la ricerca di serenità.

Era proiettato verso qualcosa di ancora più adulto (se così si può definire) e concreto.

Così oggi questa frase finisce qui, in una pagina del mio blog, in attesa che arrivi il giorno in cui io possa dire a chiare lettere “Io sono questo e quest’altro”.

Intanto, sono felice perché sto rispondendo a quella domanda esclusivamente con le mie forze, senza nessun aiuto morale o meno da parte di altre persone.

Questo è già abbastanza per mettere qualche paletto…

Emanuele

2 commenti » Scrivi un commento

  1. Pingback: Il nuotatore. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.