Il nuotatore.

Aula ingegneria Palermo

Oggi sono solo. Il mio collega è ad un matrimonio ma non volendo perdere tempo sono andato ugualmente a studiare all’università. L’aula è vuota, le finestre aperte aiutano a sopportare il caldo di fine Agosto e la sporcizia che regna in giro tra banchi, corridoi e bagni ha dell’incredibile. “Si riprende a Settembre”, almeno per quei fortunati sfortunati che non hanno la mia stessa fretta.

Intanto ho attaccato le cuffie al mio MacBook. Ho ripreso una bella playlist di musica classica che tanto mi ricorda la grinta di due anni fa, quando decisi – con coraggio ed impegno – di prendere in mano la mia vita come mai avevo fatto prima.

Mi sembra, anche questa, la chiusura di un cerchio. L’altra chiusura – vissuta questo mese – non ve l’ho confessata perché mi mette brividi e paura contemporaneamente, ma magari un giorno ve ne renderò partecipi.

Alle spalle ho una lavagna enorme, sono seduto dietro la cattedra e quella lastra nera di ardesia rivela ancora i grafici, le equazioni, gli integrali della materia di fine Luglio. E’ ancora lì, nessuno ha pulito, nessuno ha più preso il gesso in mano dopo di me.

E’ bello. E’ bello avere tutti quei calcoli alle spalle: è un segno enorme, tangibile, concreto, dei miei progressi.

Emanuele

8 commenti » Scrivi un commento

  1. Gran bel blog, l’ho scoperto casualmente, e adesso continuo a leggerti 🙂
    Sembri una persona davvero interessante, che ama la vita!

    • E si… sai com’è, non riesco proprio a farne a meno! Sentirei che mi manca qualcosa senza di lei… :eeeh:
      Ciao,
      Emanuele
      PS: scherzi a parte, grazie mille! Spero di rileggerti ancora! 🙂

  2. Ah.. L’uni… bella quando è vuota, bella quando è piena… quando sono lì mi sento così a mio agio, forse più che a casa mia.
    Ma.. se ripenso che a settembre mi aspetta analisi 2… ( quanto la odio 😡 , ho i brividi :p 😀

    Ciao 😉

  3. Mi raccomando non cancellare nulla. A che ci sei smontala e portala a casa tua che qualche giorno passo da te. Faremo di quell’ardesia, di quella lavagna un monumento ad un pezzo della nostra storia.

    • Oh, in effetti un giorno potrebbe anche essere bello averla – incorniciata – da qualche parte del nostro studio… 😎
      Ciao,
      Emanuele
      PS: ma se sei senza far nulla, perché non passi dall’università? Io sono ogni giorno lì per ora…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.