Nice to meet you.

Sono arrivato in Inghilterra ieri sera. L’aereoporto di Birmingham non è molto grande ma la signorina del rent-a-car mi ha subito dato l’accoglienza: l’inglese “vero” è distantissimo da quello di qualsiasi corso tu possa aver fatto e da qualsiasi pronuncia tu possa aver assimilato. Stretto, chiuso, curvo su se stesso. Sembrava me quando ho attraversato le portine dell’uscita: il freddo tagliente era lì in attesa di un caloroso benvenuto.

Il programma della giornata prevedeva una cosa semplicissima: raggiungere Leicester in auto. La cosa difficile è che dovevo farlo in uno dei pochi paesi al mondo in cui si guida dal lato sbagliato. Arrivare davanti la mia Vauxhall Corsa e tentare istintivamente di entrare da sinistra racconta metà della storia. In realtà dovrò accendere un cero al navigatore perché avere idea della rotonda in cui stai per finire e poter iniziare a ragionare duecento metri prima (ma non bastano mai e ne vorresti almeno il doppio) da un grosso aiuto.

Classic England Burger

In ogni caso, come visibile, sarà una settimana difficile: tra fish and chips, hot dog e burger capire cosa mangiare prima sarà un’impresa. Devo dire che quel mezzo litro di birra ha aiutato a mandar giù 0,80 pound di carne (non oso immaginare la versione .160p che equivale a 725grami di carne sopraffina…) e le patatine al lato han dato il colpo di grazia ad una digestione leggera e delicata.

Stamattina ho fatto il primo meeting di lavoro con una tazza di té nerissimo e bollente accanto. Il primo pensiero è stato: in Cina bevevo foglioline di té in maniera totalmente diversa”. Accorgersi in maniera così concreta delle differenze culturali è meraviglioso.

Mi mancava l’Inghilterra, non vi tornavo da tredici anni e sull’aereo riflettevo che l’ultima volta – a diciassette anni – ero stato qui in vacanza-lavoro come cameriere. Questa volta invece son qui come ingegnere per un software che ho sviluppato io in questi mesi… la vita è bella, perché nel tempo riscopri certi posti con occhi totalmente diversi.

Emanuele

5 commenti » Scrivi un commento

  1. Che bella soddisfazione :joy: !
    Goditi questo momento che, ho l’impressione, sembrerà meno lavorativo di altri. 😉
    ciao

    • Si, devo dire che mi sta sembrando mooolto rilassata come trasferta. L’ufficio è molto piccolo e sereno e ogni 30 secondi mi offrono una “cup of tea”. Ieri ne ho bevuti quattro, oggi ne ho già bevuto uno e rifiutati altri due.
      Ieri sera però al pub, carne, birra e partita Inghilterra-Germania con gli inglesi già alticci ancor prima del calcio d’inizio… è stato divertentissimo. 😛
      Ciao,
      Emanuele

  2. Non male lo spuntino, adatto per andare a lavorare leggero leggero! :burp:

    Comunque nota a margine, veramente quello di guida sarebbe il lato giusto di guidare, è stato Napoleone, per un capriccio e per far dispetto alla corona, ha deciso di farci marciare a destra! 😮 😯

    In bocca al lupo! 😆

    • Lo “spuntino” è stata la prima cena. Ieri invece una bellissima fetta di carne con un’altra pinta di birra… mi faranno male questi giorni qua, ne sono sicuro! 😛
      Riguardo il modo di guidare non essere troppo pignolo! Sbagliano, punto! 😛
      Ciao,
      Emanuele

  3. Pingback: Buone feste (da nord a sud). - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.