Roba da far girare la testa.

Dalla Cina, alla fine, son tornato. Appena cinque giorni fa ma è già un traguardo. Un traguardo perché significa che sono cinque giorni che mangio roba italiana e son felice e soddisfatto. Però in Cina dovrò tornare. Probabilmente già la settimana prossima (e questa volta per un mese) così sono in uno strano limbo in cui svanisce il mal di testa da jet-lag e inizia l’ansia da preparativi. Che fosse un periodo intenso l’avevo detto e l’avevo anche chiaro.

Shanghai vista dall'Hotel Radisson

L’unica cosa buona è che, con l’occasione, non farò la stupidata di arrivar lassù già sazio. Ho proprio voglia di viverealmenounavoltanellavita un pranzo al cinquantesimo piano, su un disco che ruota sopra un grattacielo.

Emanuele

PS: qualche foto cinese la metterò al prossimo round, che oggi ho comprato questa per attrezzarmi meglio (anche se qualcosina la si può vedere sul mio profilo su instagram).

4 commenti » Scrivi un commento

  1. Ci sono stato anche io in un periodo di 21 giorni a shanghai.

    Dopo aver mangiato in mense schifose, nogizi improvvisati per strada, bettole e bassifondi da Street Fighters è stata l’unica sera che mi sono sentito male.

    E ti assicuro che non mi riferisco al conto!

    • Sei stato al Radisson? Ahah, si mangia male? Come scrivevo… non ho provato. Son salito lassù in un sabato frettoloso in cui cercavo di scoprire il più possibile di Shanghai. Cosa hai ordinato? Io sono dell’idea che sia meglio evitare di chiedergli cucina internazionale. Ho provato nell’albergo in cui ero (fuori Shanghai) e sebbene fosse molto lussuoso non erano in grado di fare piatti decenti. Sono tornato velocissimamente alla loro cucina nonostante dopo quindici giorni di riso sentissi un bisogno incredibile di mangiare roba nostra. Questa volta farò una piccola cambusa in valigia…
      Come mai sei stato a Shanghai? Sei salito sul SWFC o sulla perla d’Oriente? 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  2. mangiammo a buffet era tuttoa roba un po chic, dal salmone ad antipasti europeizzanti o simili…

    ci sono dei ristoranti italiani (ora non ricordo i nomi) abbastanza costosi ma molto buoni

    • Uhm, secondo me se mangi roba cinese il risultato è diverso. Ripeto: sono più che convinto che non siano in grado di cucinare bene i nostri piatti (ma è giusto che sia così, neanche noi siamo in grado di fare i loro). Dei ristoranti italiani a Shanghai mi avevano accennato anche lì… ma sinceramente non mi fa impazzire l’idea.
      Spero di riuscire a girare anche qualche altra città questa volta…
      Ciao,
      Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.