Iniziando a pedalare fuori città…

Oggi primo giro in bicicletta con due amici. Poco più di 33km, fino a Crespi d’Adda, il paesino patrimonio dell’umanità dall’UNESCO che avevo già visitato quest’estate. 🙂

Panoramica Crespi d'Adda

Bicicletta Bottecchia FX520 Crespi d'Adda - Selciato Crespi d'Adda - Cimitero

Arrivare in bicicletta è diverso, ti godi meglio i chilometri che ti separano dalla meta, osservi tutto con più attenzione e l’aria che all’inizio ti congela un po’ il naso alla lunga finisci per apprezzarla… senti la purezza di quei posti così distanti dalle metropoli e ti lasci abbracciare dal vento.

Emanuele

PS: urge caschetto e tuta imbottita… tutti quei chilometri fanno male al sedere! 😐

11 commenti » Scrivi un commento

    • Vediamo dove riusciamo ad arrivare la prossima volta! È stata divertentissima questa strada… In realtà avrei anche voglia di provare un po’ di off-road serio! 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  1. Azz, e’ proprio a due passi da Trezzo, dove avrei voluto essere tra un paio di settimane per un concerto spettacolare 🙁 (no, non e’ roba per te 😛 )

  2. Thrash metal vecchia scuola: Overkill, Destruction e Heaten…e intanto qua ci saranno i soliti Subsonica. Che bello 😐

    • Ma, mi chiedo, non ti saltano i timpani? Io l’ho provata solo una volta ma son tornato dal concerto sofferente. :timid:
      Ciao,
      Emanuele

  3. Credo che una qualsiasi serata in discoteca sia piu’ dannosa per l’udito di un generico concerto rock (inteso come l’insieme classico chitarra, basso e batteria). E’ piuttosto a livello fisico che sono alquanto distruttivi… 😡

    • Ahaha Ska, io non sono un amante né delle discoteche né della musica hard core però ricordo che quelle 2 ore di musica hard mi fecero mediamente più male alla testa di una serata intera in discoteca (sebbene si esca stonati pure da lì…). E poi sentire tutto il tempo “fuck fuck fuck fuck…” che senso ha?! :worry:
      Ciao,
      Emanuele

  4. Aiuto, sei proprio un ingegnere 😀

    Ma che hardcore, ma che “fuck fuck fuck fuck”, quella e’ roba da eterni quindicenni ribelli, bimbiminkia mancati 😐

    Io comunque parlavo di danni all’udito, non di mal di testa, li’ sei tu che sei delicato 😛

    • Oh che ne so, tempo fa sono stato al Bloom ed è stata una serata allucinante! Sarò delicato ma la testa mi faceva male uscito da lì… io sono per il rock dolce. La batteria è bella ma non quando diventa solo metallo! :timid:
      Ciao,
      Emanuele

  5. Pingback: Io e la mia signorina (stiamo bene insieme). - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.