Ma l’estate paziente, veniva lo stesso.

Dopo la mezza delusione di stamattina serviva un “segnale positivo”… avevo già pensato di arricchire la giornata dedicandomi alla cucina (ho messo gli spinaci a bagno e stasera vedrò di cucinarli senza far danno… :roll:), ma non è servito arrivare a stasera!

Apro MSN e chi vedo? Lui. Quel mio amico salutato un po’ di tempo fa e con cui sembrava dovesse mantenersi una stupida distanza (accorciata molto lentamente).

L’ho incontrato, per caso, venerdì scorso in un locale ma non ve l’ho raccontato perché volevo aspettare qualche conferma in più.

Avevo avvertito nell’aria un atteggiamento molto migliore, quasi cambiato da come c’eravamo salutati (mi ha detto d’aver letto il mio blog proprio quel giorno…) però non volevo parlare prematuramente! 🙂

E adesso è collegato e abbiamo chiacchierato un po’… che bello, un Amico d’infanzia ritrovato.

Io, in cuor mio lo sapevo: non avevo fatto nulla per cattiveria ed ero sicuro che prima o poi sarebbe tornato… ho aspettato sempre ma non ho mai voluto forzare la mano perché le cose che non avvengono spontaneamente non hanno lo stesso gusto! 🙂

Adesso c’è una birra insieme in programma e un bel po’ di cose da raccontarci! :joy:

Emanuele

5 commenti » Scrivi un commento

    • Decisamente Alagos! Nella vita se si pazienta, i risultati arrivano sempre… in ogni campo! Il problema spesso è quanto si è disposti ad aspettare, non altro! 🙂
      Ciao,
      Emanuele

    • Essì… fa piacere e credo si veda. E’ un amico che conta molto per me… altrimenti non ne starei parlando con tanto entusiasmo! 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  1. Pingback: Allontanarsi per avvicinarsi. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.