Google street view a Palermo.

Da qualche giorno Google ha allargato la copertura di Street view (la funzione per esplorare la città a livello stradale) a Palermo. In passato ho usato il servizio per guardare la casa di Milano… chiamatela nostalgia, chiamatela nerditudine, ma era un bel modo per guardare quella strada, quegli alberi, il portone, la finestra di casa e sentire più vicino i miei fratelli… 🙄

Per curiosità ho cercato casa mia e – ho potuto rispondere ad un dubbio che avevo da tempo (cui però non avevo mai cercato di dar risposta): il tempo di inserimento delle immagini catturate dalle auto di Google nel software online.

Google Street view - 500 parcheggiata

Beh… ecco qui la mia compagna di mille avventure, la Cinquecento che ho salutato oltre 10 mesi fa… così è chiaro che le immagini non vengono inserite velocemente ma, praticamente, le Googlecar avevano girato Palermo circa un anno fa.

La 500 è parcheggiata dove la lasciai dopo che le fecero l’occhio nero, così la foto è stata scattata tra il 10 Novembre 2008 e il 18 Marzo 2009, giorno in cui la salutai per l’ultima volta insieme ad un amico.

E’ bello sapere che – almeno digitalmentesia ancora viva in qualche modo… :joy:

Emanuele

12 commenti » Scrivi un commento

  1. Hanno dovuto rimandare l’inserimento di google street view a palermo a causa dello scandalo immondizia (non a caso non si vede immondizia da nessuna parte, se non allo Zen). Se ci fai caso alcune immagini sono molto recenti e altre risalgono ad un anno e mezzo fa.

    • Hai conferme certe a riguardo? Io al contrario ho letto in giro che molte zone sono state riprese proprio nel periodo “crisi immondizia” col risultato di “foto da terzo mondo”.
      Ciao,
      Emanuele

    • Davide a me sembra che siano più che altro ipotesi fantasiose… non credo che Google interrompa le sue riprese per problemi simili (anche perché girando il mondo ne incontrerà altrettanti…), più che altro in certi posti sarà – fortunatamente – stata scelta una foto più vecchia. Tra l’altro il servizio è stato esteso a tutta la Sicilia simultaneamente, così non credo abbiano rallentato un’area così vasta per il problema di una città (per Google siamo un piccolo centro tra milioni di altri centri…).
      Ciao,
      Emanuele

  2. Beh.. le immagini dal satellite (non street view) del mio paese sono come minimo di 5-6 anni fa, visto che che si vede il nuovo ospedale ad inizio costruzione, e questo è stato inaugurato 5 anni fa..

  3. Da quello che ho capito io, varie zone d’Italia sono state riprese in periodi diversi, ma comunque il lasso di tempo va da Maggio 2008 a più o meno Maggio 2009. La Sicilia sembra essere stata ripresa tutta nel periodo da Agosto 2008 a Marzo 2009. Il che vuol dire che hanno usato più di una macchina, perché girare tutta l’Italia in 12 mesi è impossibile con una macchina sola 🙂

    • Beh camu, quello lo davo per scontato. Sarebbe stato troppo lungo girare tutta l’Italia con un’unica vettura… chissà quando inizieranno a passar da qui anche le biciclette piuttosto!
      Certo che, riflettendoci, l’opera che stan realizzando ha dell’incredibile.
      Martino, in realtà quelle da satellite son più facilmente aggiornabili secondo me (e Google l’ha fatto spesso in zone in cui aveva beccato nuvole ad esempio…).
      Ciao,
      Emanuele

  4. @Emanuele
    verissimo, però se ci “tengono” lo fanno, altrimenti rimangono quelle per anni.. io lo trovo quasi scandaloso

  5. Per precisione, molte foto non sono scattate dal satellite, ma da aerei più a bassa quota, che montano macchine fotografiche ad alta risoluzione 🙂

  6. Martino, è questione di ottimizzazione dei costi… è anche per questo che la copertura è graduale e si è partiti da località ben più note conosciute. Una “macchina” (non in senso fisico, ma come operazione aziendale) del genere avrà costi impressionanti e, alla fine, il costo per l’utente è “quasi” pari a zero.
    Ciao,
    Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.