Realtà distorte per un solo fine.

[…] Sono razzisti, come tutti. Hanno lo stesso risentimento razzista che oggi sta venendo fuori nei confronti del mondo arabo anche qui in Italia. “Puzzano d’aglio, non si lavano…”. Sai, i discorsi che creano l’immagine di un popolo, di una civiltà, e che poi giustificano l’uso della violenza. Ricordati quello che ti dico: il primo passo di ogni guerra è la disumanizzazione del nemico. Il nemico non è un uomo come te, quindi non ha gli stessi diritti.

Tiziano Terzani – La fine è il mio inizio

I cinesi la pensavano così dei tibetani.
I tedeschi la pensarono così degli ebrei.
Gli americani la pensavano così dei vietnamiti.

Noi ci aggiungeremo alla lista? Guardate i grafici…

Emanuele

PS: e mi torna in mente questo e questo

4 commenti » Scrivi un commento

  1. Parole forti. Ma che hanno un gran senso. Hai colto uno dei punti fondamentali.

    Ho avuto spesso questa sensazione negli ultimi tempi. Vedo la gente fortemente razzista e fa di tutto per fartelo capire. A volte mi sento così fuori luogo che non mi par vero di essere vivo.

    Io invece le cose le vedo l’esatto opposto. Ammiro, stimo, rispetto dal profondo del cuore e poi, io alla fine ci credi? NON riesco a vedere DIFFERENZA.

    Nel senso che chi è bello chi è brutto chi ha gli occhi storti chi le orecchie a sveltola chi e più buono chi più cattivo chi di un colore chi di un altro chi ha certe doti chi ne ha altre. Insomma io non ci riesco a vedere differenza tra gli uomini. Infatti non mi sento qualcosa o qualcuno, ma semplicemente vivo e basta.

    La gente invece fa di tutto per farti capire la differenza e ci si diverte. Spesso lo dicono in faccia “ma ancora non hai capito?” “non hai capito chi sei? Come sei e come siamo?” “ma questo non si capisce”?

    No, non mi capisco e non è che non voglia capire, per me è naturale vedere le cose come ti ho scritto sopra. Per me siamo tutti uguali, chi più scemo chi meno, chi brillante chi di meno e così via.

    Come ti ho detto sempre io: “tutti uguali e diversi allo stesso tempo”.

    Ma quando dico così mi dicono che “non ho ancora capito….”

    Proprio come dici tu:

    I cinesi la pensavano così dei tibetani.
    I tedeschi la pensarono così degli ebrei.
    Gli americani la pensavano così dei vietnamiti.

    Noi ci aggiungeremo alla lista? Guardate i grafici…

    • Puzzano d’aglio, non si lavano…

      Quando ho letto questo pezzo mi son fermato a riflettere sui miliardi di luoghi comuni che abbiamo…
      Ciao,
      Emanuele

  2. Pingback: Genova e la moschea araba. - …time is what you make of it…

  3. Pingback: E’ un grande giorno per il pianeta delle scimmie. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.