E siamo a Settembre.

Questi giorni sono volati. Il tempo di andare a Milano… e già son di nuovo qui.

La stanchezza è indescrivibile, fino a ieri sera ero nella casa vecchia a dipingere le pareti per lasciarla pulita (altro che certa gente qui da noi…).

Le settimane antecedenti il viaggio, avevo un’idea di questa mini-vacanza un tantino diversa

Mi ero detto: “ok, do il massimo all’inizio, così in un attimo si finisce e poi mi godo qualche giorno di relax, trovando magari il tempo di fare qualche giro fuori città.”

Avevo in mente Venezia. E’ da un po’ che vorrei andarci…

E invece, sono passati i giorni e le cose da fare non finivano mai. Così, la penultima sera avevo detto a tutti “domani sera, cascasse il mondo, andiamo a cenare tutti sul lago di Como”. Meno di un’ora di strada… era una cosa fattibile.

Alla fine invece, ho dovuto ripiegare su due torte al limone comprate al Gs. 😐

Avevo voglia di festeggiare.

Ho fatto tutto quel che ho fatto con amore. Mi sono svegliato spesso prima di tutti… perché volevo essere d’aiuto il più possibile finché ero li.

Mi han trovato una mattina a lavorare da solo, sdraiato sotto il lavello della cucina; un altro giorno mi sono sceso un tavolo per sei persone, per le scale della casa vecchia e l’ho portato nella nuova. Insomma, ero felice di rendere felici gli altri. 🙂

La sera crollavo. Nel mio sacco a pelo bastavano pochi minuti per dormire beatamente.

Però… i giorni alla fine sono volati. Mi ero portato un libro ed un telefilm… ne ho viste si e no 3 puntate (sono da 20 minuti l’una) e il libro non l’ho toccato completamente.

E così, siamo a Settembre, e devo riprendere seriamente ad occuparmi della mia vita e dei miei studi.

Stasera sono passato dal cantiere R/S (a dir la verità stasera erano in giro per Palermo…) ma domani mattina studierò.

E sebbene mio padre (che, conoscendolo, deve avermi visto davvero stanco per dirmi una cosa simile!) mi abbia detto “appena arrivi a Palermo fatti una dormita di 24 ore”, domani mattina cercherò di raccogliere le forze per studiare.

Voglio andare in biblioteca, combatterò il sonno con qualche caffè… e tornerò ai ritmi di Luglio.

Ho ancora voglia di vincere. Ho voglia di far diventare la mia vita così.

Sempre così. D’altronde, vola solo chi osa farlo.

Emanuele

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

6 commenti » Scrivi un commento

  1. Bentornato!

    Finalmente è arrivato settembre. Non vedevo l’ora davvero!!
    Anche io devo riprendere a studiare ( se solo penso di riprendere in mano il libro di Analisi 2 mi sento morire ill: )

    Sembrerà strano ma la mia vacanza inizia proprio ora che riapre l’università 😛

    Buono studio
    Ciao !!

  2. Pingback: Mi piacerebbe essere uno di quei primi giorni estivi pieni di colore. - …time is what you make of it…

  3. Pingback: Ottimismo ad alta quota. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.