Veglia fantastica e Messa sotto le stelle!

Sono tornato da circa un’ora a casa. Non andrò a dormire presto però perché devo ancora creare una trentina di cd (spremerò al massimo il doppio masterizzatore del mio fido pc…) con le foto ed il materiale di questa fantastica avventura da consegnare domani mattina ai ragazzi come ricordo del cantiere.

Sto ascoltando un po’ di musica nel silenzio della mia stanza. Al momento, Billie Myers mi fa compagnia con Kiss the rain

Sono stremato, oggi abbiamo provato la veglia-spettacolo per tutto il pomeriggio.

Particolare della Veglia - Cantiere R/SAlla fine l’unica autorità che ha avuto la forza di presentarsi dopo il momento in memoria di Padre Puglisi è stato l’assessore alle politiche giovanili.

La veglia è riuscita comunque alla grande e tutto è filato per il verso giusto. I ragazzi alla fine erano, a dir poco, entusiasti.

L’entusiasmo in realtà… non è calato neanche quando sono andati via tutti gli spettatori ed abbiamo potuto raccoglierci in una bellissima e silenziosa Messa all’aperto, sotto le stelle di mezzanotte.

Un bel modo di concludere una giornata.

Ho fatto centinaia di foto con la (stupenda!) Nikon D40 di mia sorella… purtroppo tra privacy e tanto altro non posso pubblicare le più belle, ma di facce felici ne avrei da pubblicare a centinaia…
Vi faccio vedere invece “dove siamo stati” tramite l’articolo andato in onda alcuni giorni fa in tv grazie al TGS che è venuto ad intervistare i ragazzi ed a segnalare l’evento.

E’ stata un’esperienza fantastica. Sono sicuro che, soprattutto i ragazzi che arrivavano da fuori, avranno tanto da raccontare su questa città, sulla criminalità, sulla mafia che altro non è che prepotenza e su come sia possibile cambiare le cose con impegno e forza di volontà.

Hanno detto bene i ragazzi in una riflessione “smettere di costruire sarebbe come dargliela vinta”. Ed è per questo che in questi giorni si sono massacrati con cemento e cazzuole per ricostruire questa casa distrutta confiscata alla mafia. E’ così che va affrontata la vita. Se si è certi di essere nel giusto, non bisogna arrendersi mai. Forse questa frase serve un po’ di lezione anche a me… che ho fatto di questo periodo un momento di grosse arrese.

Mi ritiro nel silenzio della mia stanza… finisco i cd e vado a nanna…

Emanuele

PS: la mia Vespa è finita in tv prima di me! 😛

1 commento » Scrivi un commento

  1. Pingback: La normalità e la resistenza: palermitani… andateci! - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.