Il cervello va in letargo con il freddo?!

Un anno fa, trovai un blog che mi copiava i post “alla lettera”.

E’ passato un anno… e il fenomeno sembra ripresentarsi (1 e 2 volte copiando questo e questo post). E’ per caso dovuto all’inverno? Si sente freddo e il cervello finisce in letargo? Che tristezza vedere certi blog andare avanti tramite riflessioni altrui.

Mi chiedo… ma che gusto si prova? Non mi è mai passato per la testa di prendere un post e riportarlo nel mio blog senza riuscire a dire la mia su ciò che stavo scrivendo.

Si copia davvero così passivamente?

Dai Giuseppe… dici di essere un ingegnere informatico… non conosci neanche un minimo di netiquette? Non sai che, come minimo, andrebbero citate le fonti? Non sai che è buona norma evitare l’hotlinking delle immagini?

Ma soprattutto… che gusto provi a riportare riflessioni personali come fossero tue?! Devo realmente convincermi che esista gente che legge e non elabora nulla di personale da ciò che legge?

Che strano il mondo…

P|xeL

PS: tra un paio di giorni blocco, come minimo, l’hotlinking dell’immagine…

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

8 commenti » Scrivi un commento

  1. Fatte le ferie?
    Se :dogarf: Giuseppe :dogarf: è ingegnere informatico io sono Giulio Cesare, anzi no Napoleone.
    Vediamo se mi spiega come fare un protocollo SSH sotto Windows e sotto Linux.
    E smettila di copiare, è di cattivo gusto non citare le fonti :joy:

  2. P|xel non sei il solo pare sia un fenomeno in crescita manco uno scrivendo un blog guadagnasse dei soldi non so mah non capisco

  3. Senza dubbio significa che scriviamo cose che, per qualcun altro sono riflessioni così profonde che non riuscirebbero a fare mai. 😉
    Magari un giorno, a scuola, studieranno Barbara “Al Cioccolato”, scrittrice neo-realista del ventunesimo secolo… 🙂
    Ciao,
    P|xeL

    PS: ciao Joe!!

    PPS: devo farmi una foto di profilo per la didascalia a lato nel libro… :joy:

  4. Ciao, sono il famoso Giuseppe che tante volte hai linkato nel tuo intervento…Innanzitutto volevo chiederti scusa…sono ingegnere vero ma ho cminciato da settembre a usare blog…non avevo idea di quali fossero le “regole” chiamiamole cosi di buona convivenza sul web…di solito nn copio riflessioni personali…mi sembravano 2 poesie o storie che mi hanno fatto riflettere e le ho messe…ti chiedo scusa se nn ho citato le fonti ma come ben vedi nei successivi interventi ho imparato a fare anche questo…purtroppo a volte nn ho molto tempo per via di impegni di lavoro e altro…quindi mi piace mettere poesie e foto con cui posso far capire a chi mi conosce il mio stato d’animo…Ti sembrerà strano ma mi piacerebbe continuare la conversazione direttamente con te e cosi capire tante altre cose o errori in cui potrei incorrere…
    Scusa ancora…di al tuo amico che se vuole le spiego qualsiasi protocollo…nn c’è bisogno di gettare queste sfide…ti ho spiegato tutto per bene credo…ti auguro buone feste…Ciao e a presto

  5. Ciao Giuseppe, mi fa piacere sentire parlarti così. La mia in fondo era e rimane una provocazione verso coloro che finiscono “sul web” senza ricordarsi che, come in ogni ambito d’altronde, esiste un’etica e delle piccole norme di buona educazione.
    Mi dispiace che ti sei sentito di dover cancellare quei post, non era questa la mia intenzione. Piuttosto, come mi chiedevo già nel post scritto sopra, mi stupiva il fatto che… oltre alla “citazione” (non segnalata) non ci fosse nulla. La potenza dei blog, rispetto ad un diario tradizionale, è proprio questa invece: riprendere altre fonti (se le si ritiene interessanti) aggiungendo proprie idee. Ecco che così, pingback e trackback diventano strumenti di comunicazione fondamentali ed interessantissimi.
    Ti faccio un invito adesso… che ne pensi di riprendere quei due post sul tuo blog ed aggiungere le tue considerazioni? In questo modo avrai la possibilità di imparare ad usare questi strumenti e, allo stesso tempo, approfondire e farmi/farci capire cosa hanno significato per te quelle mie parole. 🙂
    Spero che accoglierai la mia proposta, in ogni caso ti ringrazio per la ragionevolezza con cui hai risposto al mio post.
    Ciao,
    P|xeL

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.