Opuntia

La Sicilia è un fiore bello e spinoso. Ogni volta che vi torno mi accorgo di come le radici che porto riemergano in maniera intensa ma, al contempo, ritorni a galla anche l’amaro che certi modi di vivere, agire e pensare lasciano in maniera indelebile.

«Odio ed amo. Perché lo faccia, mi chiedi forse. Non lo so, ma sento che succede e mi struggo».

Catullo

C’è dell’amaro in tutto quel dolce.

Ho visto Giorgia fare i suoi primi passi su questa terra colorata, sprezzante delle stagioni, dell’inverno, del freddo. Chissà se si sentirà mai cittadina, anche solo per un attimo. Chissà se riuscirà a vederne il bello e, sopratutto, chissà se riuscirà mai ad inquadrare il brutto e accettare che sia una parte guaribile dello stesso fiore.

Emanuele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.