Scarpe nuove.

Un mese senza un post su questo blog. Non accadeva dal Settembre 2004. Forse era persino qualcosa che non credevo possibile, in un modo o nell’altro qualcosa – in un mese – capita sempre di volerla scrivere. Nell’ultima dozzina d’anni questa congettura è sempre stata una asserzione mai messa in discussione ma quando ho visto il primo Febbraio duemilasedici nel calendario mi son reso conto che il tempo era scaduto inesorabilmente: non ero riuscito a scrivere.

Scarponi amazzonia

Non so ancora quanto di me stia cambiando, quanto di me sia “una persona diversa” rispetto a quella dozzina d’anni fa, ma – per certo – sento responsabilità diverse. Queste da un lato galvanizzano, dall’altro rapiscono. Pesano e si fanno apprezzare allo stesso tempo. Non si finisce mai di crescere, ma le fasi della vita sono un po’ come i gradini di una rampa di scale: il processo è continuo, ma ogni tanto avverti (nella testa, sulle spalle, sotto i piedi) di avere per davvero un nuovo percorso davanti, nuove avventure da dover intraprendere. Il passato è passato e ciò che ti ha lasciato in dono è un gran carico di esperienze.

Ho rotto gli scarponi. O meglio, mi hanno abbandonato nei primi metri dentro la foresta Amazzonica. Erano i miei più fedeli compagni di viaggio da quasi 18 anni. Mi sento un vecchio quando – incredibilmente – riconosco questa cifra. Hanno percorso con me, senza dubbio, qualche migliaio di chilometri. Hanno girato l’Italia e l’Europa e l’hanno fatto per lo più su strade non asfaltate. Son volati con me in Africa, in Cina e non potevano mancare l’avventura in Sud America.

L’avvenimento è uno specchio magnifico di questo periodo in cui il matrimonio – incantevolmente – segna un nuovo gradino raggiunto e tanta strada da compiere. Riconosco i sogni da costruire con sorprendente lucidità ma avverto le responsabilità sempre più incalzanti. Non posso più sottrarmi come in quel distante 2004: la vita chiede esattamente a me d’esser costruita. Mi domando spesso dove-come sarò tra una decina d’anni, quando i quaranta saranno belli che raggiunti.

Serviranno scarponi nuovi, forti, robusti. Servirà sceglierli con cura, in attesa del prossimo gradino.

Emanuele

2 commenti » Scrivi un commento

    • Si che l’ho letto e anche se sono ancora più vicino ai 30 che ai 40 inizio ad avvertire quel mood lì… maledizione!
      Ciao,
      Emanuele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.