Considerazioni #1

È bello che ci sia ancora gente che usa il fazzoletto di stoffa per soffiarsi il naso.

Emanuele

16 commenti » Scrivi un commento

    • Sa di passato però, di tempi che non esistono più. Di tovagliolini conservati, stirati e piegati, nel primo cassetto. Sa di naftalina in un vecchio settimanile.
      Ciao,
      Emanuele

  1. Mi sa di fazzoletto sporco buttato nel cestone dei panni sporchi, colmo di muco che si attacca alla tua camicia bianca e che mi mescola in lavatrice a formare una melma che solo apparentemente scompare ma di cui in realtà rimangono intrisi persino i tuoi calzini.
    Come direbbe qualcuno…mi stà lanzannu

  2. anche io li uso sempre! 🙂 Fino a pochi mesi fa per me era scontato, poi mi sono accorto di essere forse uno dei pochi.. però alla fine credo sia più comodo, piuttosto che portarsi sempre un pacchetto di fazzoletti in tasca (che poi, quando hai il raffreddore, non bastano mai! invece quello di stoffa si riutilizza più e più volte! 😀 )

    • Ma davvero dura di più un fazzoletto di stoffa? Se sei molto raffreddato non si riempie arrivando a diventare intutilizzabile? 😮
      E poi… – visto che si parla di queste cose – poi non indurisce come quello di carta? 😀
      Son belli da vedere ma non sono sicuro siano più comodi (delicatezza con la pelle a parte).
      Ciao,
      Emanuele

  3. ahah che bei discorsi 😀
    Comunque, io li uso di stoffa per abitudine. Mi ricordi i primi anni delle elementari, quando mia mamma al mattino mi preparava i vestiti da mettere, e mi metteva sempre il fazzoletto di stoffa.. e poi crescendo ho sempre usato quelli.
    Sicuramente se sei molto raffreddato si, si riempiono pure quelli! Però con il fazzoletto di carta io ci soffio il naso una volta, e poi è inutilizzabile, tutto bagnato, piccolino… il fazzoletto di stoffa invece è più grande, e si bagna molto meno, quindi lo riutilizzi. Poi esiste una legge (non so se dimostrata o meno 😆 ) per cui esiste sempre un angolino del fazzoletto di stoffa che è rimasto pulito! Poi, comunque, anche quando si bagna dopo poco asciuga e ritorna ancora utilizzabile.
    certamente ci sono alcune parti che induriscono, dove c’è abbondanza di muco che secca, ma se è tutto indurito, vuol dire che l’hai usato per una settimana di fila con sempre il raffreddore =D
    Secondo me il fazzoletto di stoffa ha molta più eleganza/classe/ricercatezza. Soprattutto quando è nuovo e lo togli dalla tasca piegato e con quel buon profumino di ammorbidente della mamma 😀 anche se poi quando lo usi tanto, e lo togli da tasca tutto appallottolato, magari se sei molto raffreddato è conciato peggio di un campo di battaglia, e sei li che… beh, in quel caso non è magari il massimo… però ti sfido a fare lo stesso con un singolo fazzoletto di carta! 🙂 Senza contare che ques’ultimi, se ne prendi un pacchetto, sono più ingombranti.

    Poi, se usi un singolo fazzoletto di carta nuovo ogni volta che ti soffi il naso… beh, quello è il massimo dell’igiene. Però ne consumi troppi, e poi è motivato solo se sei una donna che esce sempre con un trolley appresso, anche solo per star fuori 5 minuti.

    • Uff Marta, neanche tu a guardare quel po’ di magia… che poi, cavoli, sono anche meno inquinanti! Sai quanta carta si spreca altrimenti?
      Matteo, oh… alla fine la vita è fatta anche di queste cose! Perché aver paura di parlarne? 🙂
      Ciao,
      Emanuele

    • Ma sai che – fondamentalmente – secondo me l’era dei fazzolettini di carta è nata per puro consumismo (di cui son figlio anch’io) e nient’altro di più?
      Ciao,
      Emanuele

  4. Probabile , e chi può dirlo?

    Fatto sta che stavolta dovrò essere contenta del consumismo!!

  5. Mao, si vede che non hai mai provato la magia di avere sempre il maccarone in tasca 😉 Almeno non butti via in malomodo ciò che era parte di te, ma lo conservi per fargli fare l’ultima passeggiata prima della morte 😥

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.