Due cosette, da blogger a blogger.

In questi anni un po’ d’esperienza me la son fatta. Non commento più tanto spesso circa gli eventi blogosferici per mancanza di tempo ma continuo a tenermi informato ed ho un paio di appunti da segnalare o mio blogger nascente.

In primis, i feed pubblicali interi. Cavolo. Interi. Su WordPress si fa da “Impostazioni – Lettura”, su altre piattaforme cerca e troverai sicuramente.

Il perché è semplicissimo. Tu scrivi per essere letto, non per aumentare i numeri delle statistiche di accesso alle tue pagine. Se hai iniziato a scrivere per vedere i numeri scorrere hai sbagliato completamente lavoro. Devi mettere foto (internet is for porn…) per vedere realmente i numeri salire.
Dai, su… scherzi a parte, sappiamo tutti che hai fatto un template bellissimo che val la pena guardare ma credimi che quando si va di fretta contano più i contenuti che il contenitore… e io quando devo ottimizzare i minuti a disposizione, certamente deciderò di segnar come letto quell’estratto di post e via. Hai perso un lettore e un possibile commento.

Altra cosa… rispondi ai commenti! Non sei mica Beppe Grillo. Se io vengo a scriver qualcosa sotto al tuo post è perché voglio instaurare una discussione, non perché voglio aggiungere tre parole e chi s’è visto s’è visto. Io dal tuo post ripasso qualche ora/giorno dopo e spero di poter continuare a parlare. E’ assurdo quando spesso e volentieri il blogger scrive il post e scompare. Capita a chiunque di avere esaurito gli argomenti o di perdere qualche commento nella fretta giornaliera ma da qui a farla diventare un’abitudine ce ne passa. Altrimenti ha ragione un mio amico che dice che i blog sono uno strumento imparziale perché c’è una voce più grossa e tante altre più piccole…

In ultimo, ma non per importanza, linkami, cavolo. 🙂

Emanuele

15 commenti » Scrivi un commento

  1. quindi appena troverò il tempo per sistemare il post che ho nelle bozze e dove c’è il tuo link tu non penserai affatto che ti ho linkato perchè hai scritto l’ultima frase. 😎

  2. Ovviamente penserò che questo post ha sortito l’effetto voluto e che tu sei l’ennesima pedina di un sistema che funziona a comando! 😛
    Ciao,
    Emanuele

  3. Ma dove ho la testa?! Ahimè , cosa mi sono dimenticata di dirti!
    Poco tempo fa ti ho addirittura aggiunto ai feed e al blogroll , eheh , quale onore ..

    Adesso sì che non ho più problemi a seguirti 😆
    A presto , Marta.

    • Io ti ho tra i feed da tempo immemore! Pensa tu! 🙂
      Spero di non disturbarti troppo con le mie elucubrazioni mentali e… pensa a sistemare i tuoi feed che questo post è anche indirizzato a te! 😛
      Ciao,
      Emanuele

  4. Ma come immemore? ahah
    E io non ne sapevo nulla! Anzi io spero di non disturbare te 😀
    Comunque per quanto riguarda i feed già è tanto se sono riuscita a fare qualcosa. Non potrai mai sapere quanto ci ho messo a capire cos’erano 😀

    • I feed sono uno strumento fenomenale! Se impari a sfruttarli ti renderai conto di quante cose possano essere segnalate… a me ad esempio l’arrivo di nuove puntate dei telefilm che seguo arriva tramite feed così non devo ricordarmi di controllare in quale giorno della settimana esca ogni serie… 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  5. Mi sento un essere piccolo piccolo quando si parla di certe cose. Ma pian piano sto imparando , eheh. Già da tempo mi sono guadagnata la possibilità di vantarmi con mio padre ( mentore , maestro del computer per me ). Della serie “io so farlo e tu no” 😛

    • Eh beh, si impara piano piano. Io questa differenza tra me e mio padre l’ho annullata parecchi anni fa (ormai è lui a chiedere – puntualmente – aiuto a me…) ma questo ovviamente è dovuto anche agli studi che ho fatto! 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  6. Secondo me ce l’avevi con me… Puoi dirlo… non me la prendo, giuro!
    Perchè ho commesso TUTTI gli errori che stai citando:
    1. ho cambiato template da poco
    2. non ho i feed interi (a causa di un plugin che mi ottimizza il sito per google)
    3. sono scomparso dalla blogosfera per gli esami di gennaio/febbraio… esatto, tornerò a metà marzo se va tutto bene…

    Dillo che ce l’avevi con me, boy..!

    • Ahaha! In realtà mi riferivo anche a te! “Avercela” è una parola grossa perché comunque figurati, son scelte personali, semplicemente però con quel pizzico di esperienza che credo d’aver fatto in questi anni, questi aspetti secondo me vanno tenuti in considerazione per risultare “piacevoli” da leggere (non solo come argomenti ma anche come semplicità nel poter fruire di quanto scritto…). Che plugin ti fa questo macello coi feed? E’ incredibile che tu non possa cambiarli…
      Per gli esami ti capisco, è un periodo intenso per tutti… 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  7. C’è stato un periodo della mia vita che avevo seriamente pensato di fare soldi con il blog, ossia scrivendo una volta al giorno e sperando di guadagnare con le pubblicità di google. L’esperienza poi mi ha portato a guadagnare qualcosa attraverso altri canali… per avere 75 € da google ci ho messo ben 2 anni e mezzo 😡
    Ma non volevo parlare di soldi, quanto del fatto che volevo convogliare quanta più gente possibile sul mio blog e per questo bloccai i feed. Da oggi sono ritornati i soliti, classici, amorevoli feed interi. Contento? W Google Reader !!!
    P.s. Il plugin incriminato si chiama Post Teaser e lo puoi vedere sulla home page del mio blog. Ha un senso… per quelli che fanno SEO, questo plugin ha un senso, convoglia i bot di google sull’articolo vero e proprio (almeno credo).
    Grazie della strigliatina

    Mik

    • Gli AdSense aiutano, ma non si può vivere con quelli. Se non sei un portale da milioni di pageview mensili fare cifre *decenti* mensilmente è impossibile.
      Riguardo i feed… evviva! Un blogger recuperato è un blogger seguito! 😛
      Riguardo post teaser mi sembra una stupidaggine… in pratica taglia i post lui nei paragrafi invece di lasciare attendere il tag “more”. A questo punto mi chiedo perché perdere il controllo di questo aspetto in favore di qualcosa di automatizzato (chi fa da se, fa per tre) e poi sinceramente a livello di SEO non gli vedo questo gran vantaggio: non ho mai tagliato i post ma Google sa bene dove ritrovare il contenuto “originale” (tanto più quando tra i metatag della pagina inserisci il tag canonical per ovviare al problema che giustamente ti poni tu: i contenuti duplicati). Se vuoi un ulteriore consiglio, togli quel plugin, lascia leggere gli utenti comodamente il tuo blog senza costringerli a cliccare per completare la lettura di ogni singolo post e inserisci quel tag nel tuo template.
      E infine, giusto per puntualizzare… preoccupati della prima regola di un bravo webmaster: FREGATENE di Google, preoccupati dei tuoi lettori. Se quelli scappano ma Google ti ama che vantaggi avrai? Tanto poi arrivano da Google e scappano lo stesso… 🙂
      Ciao,
      Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.