Progetto di Dio o libero arbitrio?

Credo di essere una persona in crescita.

Oggi riflettevo su quanto sia strano vedere due persone che un tempo avrebbero parlato per ore ed ore, darsi un semplice saluto e non aver voglia di dirsi altro.

E’ proprio buffa la vita. 🙂

Mia madre alcuni mesi fa mi disse che non tutto ciò che viviamo è frutto della volontà di Dio in risposta alla mia infinita voglia di giustificare ogni cosa che vivo come un progetto che vien dall’alto. Diceva che esiste il libero arbitrio.

Io tutt’ora stento a far coesistere in maniera pacifica le due cose. Quando una cosa fa parte del libero arbitrio? Quando invece è frutto di un progetto divino? Quanto una cosa esclude l’altra?

Vedrò di rifletterci su prossimamente…

Emanuele

5 commenti » Scrivi un commento

  1. Occhio ad essere troppo fatalista! 😛

    Immagina la differenza fra un binario unico, sul quale sei ancorato, e una rete di binari, con molti scambi, lungo la quale ti puoi muovere: ad ogni scambio devi scegliere (con libero arbitrio) da che parte andare.

    E poi: ci sono molte strade per arrivare nello stesso luogo, non una sola. Hai molte occasioni di deviare.

  2. Cito:

    Immagina la differenza fra un binario unico, sul quale sei ancorato, e una rete di binari, con molti scambi, lungo la quale ti puoi muovere: ad ogni scambio devi scegliere (con libero arbitrio) da che parte andare.

    Marco: io, è tutta la vita che vivo così :dogarf: GHGH
    Effettivamente non posso che essere d’accordo con te. Essere troppo fatalisti è un po’ troppo un casino.

  3. Marco, sono sicuro che senza rendermene conto, abbia preso scelte dettate sia dal libero arbitrio che da quello che chiamiamo “destino”. Il punto è che è difficile discernere quando è l’una e quando è l’altra ad operare. Dovremmo credere che il libero arbitrio opera quando scegliamo noi, mentre il destino è ciò che *dipende dagli altri*? Non credo sia così semplice…
    Ciao,
    Emanuele

  4. Stessa domanda fatta centinaia di volte.
    In realtà credo siano molto legate fra loro, ed il Divino sta proprio nel mezzo, lì a confonderci… altrimenti sarebbe troppo facile e noi non decideremmo più niente.
    Ad Assisi mi è rimasta impressa una frase:
    “Dio lo puoi vedere solo di spalle, quando è già passato”.

  5. Bella questa frase… a me torna spesso in mente “One of us”, una canzone di Joan Osborne. La canzone si chiede come ci comporteremmo se Dio fosse uno di noi. Io mi chiedo come si comporterebbe al posto nostro… di fronte alle nostre scelte.
    Ciao,
    Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.