Post da moltiplicare per n volte.

I miei post di Ottobre sono tutti uguali.

“Vado di corsa”, “ho fatto questo questo e quest’altro…” e bla bla bla, sempre allo stesso modo.

Anche oggi non è andata diversamente.

Studiato la mattina, preparato il pranzo, corso a *far vedere una casa* ed infine volato agli scout… fino ad adesso.

E domani sarà ancora peggio, tanto che in palestra ci andrò nel primissimo pomeriggio per non saltarla.

Chissà. L’orologio corre, le giornate volano. Io mi domando dove mi porterà questo periodo.

Eppure, me lo domando con serenità. E’ la vita – mi dico – che ci proietta sempre in nuove avventure. Non voglio aver paura…

Ah, una cosa buffa ve la racconto. Ieri sera ho scritto su msn come messaggio personale “Un giorno mi dissi “Sia fatta la tua volontà”. Non volevo che rimanesse solo una frase ripetuta la Domenica… :-)”.

Beh, stamattina mentre ero in biblioteca con un amico, un collega mi contatta chiedendomi se avessi deciso di farmi sacerdote perché – a detta sua – le mie frasi non sono sempre di facilissima interpretazione.

Che c’è di male nel volersi affidare a Dio ed iniziare a vivere realmente liberi come gli uccelli del cielo?

Perché una persona che tenta di farlo viene subito associata ad una particolare scelta di vita?

Non possiamo essere dei semplici Fedeli con la F maiuscola? Pecorelle di Dio in cammino? 🙂

Con questo vado a nanna…

Emanuele

10 commenti » Scrivi un commento

  1. perche tu lo dici.sai quante persone lo fanno senza dirlo a nessuno?ricordati che il silenzio ti protegge da chi ignora.e poi ti ritrovi con persone che giudicano quello che in etichette.lascia perdere,non ti è datao saperlo

  2. Non ho capito molto bene ciò che ti scrive Kaos, Manu, ma una cosa di me però ce l’ho chiara: non mi interessa di essere una “pecorella in silenzio”! Voglio fare rumore, voglio essere “scomoda”…

  3. kos, effettivamente è un po’ confuso il tuo commento oggi. 😮
    Io comunque non voglio chiudermi nel silenzio. Se la gente vuol attaccarmi, lo farà conoscendo ogni aspetto di me. Sarò più vulnerabile forse, ma “davanti a Dio” esisterà anche la resa dei conti, perché preoccuparsi dunque? 🙂
    Brava Roberta. Io non ho problemi a parlar di Dio qui. E’ una cosa in cui credo fermamente… e come gli altri valori che ho, non mi va di rinnegarli in nome di… non si sa bene cose.
    No luca… decisamente no! Sogno una famiglia, sogno dei bambini che corrono col girello casa casa… sogno un pic nic la Domenica… altro che volermi fare prete! 😛
    Ciao,
    Emanuele

  4. Credo che nella società moderna non ci sia più il credente da, ahimé, ormai tanto tempo. La gente non è abituata a distinguere una mezza sfumatura nella fede, è più black or white. Tralasciando poi quelli che si affidano a dio per pura merceologia.
    Detto ciò, personalmente la cosa non mi tange, la religione mi tocca davvero poco. Preferisco dedicarmi a cose più immediate. Ma sempre personalmente, eh

  5. Manuele, non vedo perchè dovresti “rinnegare i tuoi valori”, ne tantomeno capisco chi vorrebbe che li rinnegassi 😮 ??
    Non ci trovo niente di male in quello che scrivi, può capitare a tutti di ripetersi.

    Anche a me capita tantissime volte di ripetermi in alcuni post e capisco che sapendo di essere letti viene spontaneo preoccuparsi di scrivere qualcosa sempre di originale. Ma non credo che sia un vero problema, come a quanto pare non lo è neanche per te, da quanto ho compreso dal tuo post.

    Manco fossimo degli avventurieri… la gente comune come noi che fa una vita normalissima e crede nel sano vivere, cosa vuoi che gli capiti di eccitante?
    Ci saranno anche i periodi con grandi cose da raccontare certo, ma di sicuro non capiterà ogni giorno di scrivere di chissà che.
    Ciauzzz 🙂

  6. vivo come meglio ti agrada :joy: basta esser felici delle proprie scelte no? per il resto o prete o libero professionista o semplice impiegato di ufficio cosa cambia? a parte il portafogli 😆

  7. Porca miseria, FERMATI, almeno una volta! 😀
    (che sennò ti resta l’anima indietro di qualche miliardo di chilometri! :joy:)

  8. Giulia… “se mi rilasso, collasso…”. 🙂
    I giorni stanno volando insieme a me ormai. Meglio così, mi porteranno sicuramente verso qualcosa che non conosco ancora ma che conservo già, con gelosia, dentro me.
    Ciao,
    Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.