La povertà di Giovanni Nanfa.

Io non mi posso lamentare. Perché uno che si lamenta è uno che prima è stato meglio. Io invece sono stato sempre lo stesso…

Esordisce così uno dei più bravi comici palermitani in uno sketch sulla povertà.

Gianni Nanfa, un nome una garanzia secondo me. E non perché era collega di mia madre ai tempi dell’università. Gianni Nanfa è un grande comico per la verve che gli nasce dentro, per lo sguardo che a fissarlo fa già ridere.

E’ uno dei miei comici preferiti… ed a quanto pare anche come professore universitario conserva lo stesso humor durante le sue lezioni – per la fortuna dei suoi studenti -.

Guardate questo video in cui ironizza la sua condizione di estrema povertà. 🙂

Eravamo così poveri che gli altri bambini sulla spiaggia facevano castelli di sabbia, io case popolari di sabbia.

Eravamo così poveri che da bambino ogni domenica mia nonna ci diceva “se fate i buoni vi porto a vedere mangiare un gelato…”.

Emanuele

PS: l’anno scorso ero andato a vedere “Tutti per Uno” ed in passato ho già visto anche “Meglio la gallina… domani!” e “Tra il dire e il fare” (gli spettacoli li trovate qui), c’è qualche altro fan in ascolto?! 🙂

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

1 commento » Scrivi un commento

  1. Pingback: Soggetti Smarriti

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.