Time is what you… think different.

Certo che se continuo con questi post, tra un po’ il template di questo blog diventerà a forma di mela morsicata, e il titolo del blog dovrà andar, quantomeno, rivisto.

In questo momento scrivo da Windows… il MacBook è bellissimo ma quello schermo da 13 pollici – quando hai accanto un lcd da 17 – ti sembra una tortura.

Ogni tanto penso che senza gli Spaces ed Expose, l’usabilità di quel sistemino andrebbe a farsi benedire. E forse è questo un pregio/difetto di questi micro-portatili. Alla Apple però si son studiati bene come non uccidere i nervi dell’utente pur vendendo monitor piccolini.

L’user-experience è comunque nettamente più appagante (confrontata nel mio caso a Windows XP) tanto che inizio a sognare un iMac come possibile regalo di laurea…

Mi manca ancora un buon client FTP, ma spero di provvedere quanto prima.

Il computer fisso sta per trasformarsi. Se nei prossimi giorni avrò tempo, vedrò di mettere Ubuntu come OS principale… e sarà il mio – quasi addio – al mondo Windows. I miei amici si sono già preoccupati un paio di giorni fa “così quando non ci funziona una cosa tu ci dici di cambiar sistema?!”.

Beh, Ubuntu l’ho provato virtualizzato… e non mi è per nulla dispiaciuto. Se a questo aggiungiamo che grazie al Mac mi sono dovuto forzatamente obbligare a trovare software alternativo, a sistemare la mia posta in imap, e tanto altro… allora non vedo più perché dovrei rimanere con Windows.

Al momento forse, il software che più mi mancherà sarà – strano a dirlo – il mIRC, che con gli script che mi ero scritto era diventato comodissimo per gestire la vita su IRC.

Piccola nota: stamattina ho portato il Macbook in facoltà. Non avevo mai provato la rete wireless della cittadella universitaria… e così non sapevo come sarebbe andata.

Ero con un collega – ubuntista – che si aspettava di dover configurare varie impostazioni, come con Windows XP, prima di poter dare l’ok con i dati d’accesso (la rete utilizza una cifratura WPA2 Enterprise). Bene… Leopard non ha chiesto nulla, solamente nome utente e password: tutto il resto l’ha fatto da solo.

C’è altro da dire?

No… più che altro non ho ancora scoperto i comandi da tastiera per gestire l’editor avanzato di WordPress. C’è qualche anima buona che vuol rispondermi? 🙂

Ah, non attivate FileVault. E’ per questo che ieri ho riformattato

Emanuele

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

9 commenti » Scrivi un commento

  1. ottima soluzione quella di passare ad ubuntu, io mi sono deciso un paio di settimane fa, e devo dire che mi trovo molto meglio.
    Ci sono molte applicazioni per Linux che non fanno rimpiangere per nulla windows, per irc eh si qua cade un po… anchio sono alla ricerca di un client che mi soddisfi…. mi manca un po il caro vecchio mirc… pero ci sarebbe Kopete da provare come client mirc, al momento lo uso per msn e avvolte per irc.
    Per editor avanzato di worpress che intendi?

  2. I comandi da tastiera per il grassetto, il corsivo… etc.
    E poi, sotto Windows pulivo la cache di Firefox con CTRL+SHIFT+CANC: qui che manca il CANC, come si fa? 🙂
    Ciao,
    Emanuele

  3. Grazie per la dritta di File Vault! 🙂
    In effetti quando guardo gli altri macbook non rimpiango assolutamente il mio pro .. noto nettamente la differenza tra un 13” e 15”… e poi il peso è praticamente uguale (la forza dell’alluminio)…
    Anche io sono rimasto stupito di fronte alla semplicità di una configurazione wireless: è eccezionale!
    Per quanto riguarda il cient FTP uso con notevole soddisfazione CyberDuck mentre come editor di testo via ftp uso il bellissimo e ora freeware TextWrangler

    P.S. Uff non riesco mai a beccati su skype 🙂

  4. Ho paura che Cyberduck sia il più friendly in assoluto. Diventa più semplice da usare se impari alcune scorciatoie per mostrare/nascondere le finestre secondarie.

  5. trnasmit!
    è ottimo davvero.
    (è a pagamento, ma non credo questo sia un problema 😉 )
    (si invece! io l’avevo scaricato e funzionava alla grande ma poi l’ho comprato lo stesso! mai successa una cosa del genere su windows!!!)

  6. Finalmente anche tu ti sei deciso sul serio! Io sono stato molto drastico al tempo, un giorno (3 settembre 2004, come dimenticare!) mi son svegliato e ho detto “basta, oggi metto Gentoo”, senza preoccuparmi di quali programmi avrei usato: non ne conoscevo uno, a parte Firefox. Esattamente come te, l’unica cosa per cui mi dispiaceva davvero abbandonare XP era proprio mIRC, per gli script, per gli anni passati li’ sopra…all’inizio XChat era orribile, ma non mi sono arreso, l’ho rivoluzionato e adesso non gli manca nulla rispetto al mio vecchio mIRC…anzi cercando di fare gli script per XChat si maneggiano veri linguaggi (Perl, Python), quindi tanto di guadagnato no? In ogni caso nei menu trovi gia’ di tutto e anche senza scrivere una riga di codice si possono fare molte cose…

  7. Pingback: XP e WPA2: gioie (poche) e dolori (tanti). - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.