Yawwn… ehm, non si sbadiglia!

In questi giorni è nata una discussione interessante. Volevo parlarne già da qualche giorno ma ho avuto poco tempo ed ho preferito parlare d’altro.

Tutto è nato in un post di Diego (link interrotto) che chiedeva quanti blog seguiamo ed in base a cosa costruiamo la nostra lista di “preferiti”. Da li, si è finiti per parlare di statistiche (masturbazioni mentali), metodi di valutazione di un blog e del modo di vivere dei blogger le proprie statistiche.

Oggi il discorso è stato ripreso da Marco a cui ho voluto rispondere.

Non riprendo interamente la discussione qui (se vi interessa il mio parere avete i due link indicati sopra) ma voglio ribadire solo una cosa.

Io scrivo su questo blog perché mi diverte. E precisiamo, non mi diverte il fatto che sia in buona posizione nelle varie statistiche italiane, né che il mio PR possa sperare di salire. Mi diverte scrivere. Mi diverte tra l’altro rileggere i miei post e magari riflettere ancora una seconda volta su ciò che avevo scritto.

Sarò stupido, ma ogni tanto mi metto persino a guardarlo il mio blog.

Non mi metterò mai a contare quanti post ho scritto in una determinata ora e decidere se posso scrivere ancora o devo chiedere il permesso a qualcuno. Scrivo quando ne ho voglia.

C’è chi dice che questo sia un metodo per perdere lettori. Beh… mi sta anche bene. Lo metto in conto ma non me ne preoccupo. D’altronde non sono una azienda, non vendo prodotti, non devo fare marketing e guardare il mio target d’utenza.

Cavolo, sono un semplice scrittore in erba (wow, è la prima volta che mi definisco in modo così altezzoso) che scrive per divertimento.

La cosa più buffa di tutta questa vicenda è solamente una.

Ieri, ho ricevuto un “memo” su Azzurra da un amico. Non aveva motivo di scrivermi, non gli avevo chiesto nulla.

Il memo, recitava così: “P|xeL ma lo sai che leggo il tuo blog? 8) 8) Mi piace seguire i tuoi post, sono sempre moralmente elevati e intellettualmente stuzzicanti, è un blog che vale la pena seguire… mi raccomando scrivi spesso… siamo in tanti a pensarla così sl tuo blog… ciao :)”.

Quel memo mi ha fatto sorridere. Proprio mentre io sostenevo che ero disposto a perder lettori pur di esser me stesso, è arrivato a sorpresa quel messaggio.

Beh, si vede che non sono poi così noioso. Parlo spesso di me ma non faccio addormentare.

E spero che non sia perché uscendo da questo blog, sulla destra, ho posizionato una bella macchinetta del caffè… :eeeh:

Ciao,

Emanuele aka P|xeL

PS: rimane valida la dicitura che ho scritto da tempo immemore nella barra di lato: “Questo è un blog (probabilmente) inutile!” Sappiatelo! 🙂

3 commenti » Scrivi un commento

  1. Pingback: Senza Identità

  2. Continua così … ricevere un commento tipo “moralmente elevati e intellettualmente stuzzicanti” deve essere un bel traguardo. Commento che mi trova cmq d’accordo. 🙂

  3. Antonio… non credo di essere davvero come descritto in quel memo, ho deciso di riportarlo solamente perché è arrivato proprio mentre io continuavo ad affermare di “voler essere me stesso”. Interessante? Non so…
    Ciao,
    Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.