Servizio civile: primo giorno.

Argh… ieri ho scritto. Maledizione… splinder ieri era proprio fuori uso. Appena avrò tempo creerò un blog in rete tutto mio… su uno spazio mio. Odio avere problemi di downtime…

Comunque… visto che non è stato pubblicato neanche il mio post via email… lo ricopio qui… anche se naturalmente quello che dico si riferisce a ieri, lunedì 29/09/2003 alle 17.03.

—–

Mamma mia che stress… è un giorno che splinder è lentissimo. Ho perso 2 ore per riuscire a scrivere qualcosa… che in fondo non è nulla di così importante. Mi andava di scrivere… e non ci riuscivo. Ecco perché non ho abbandonato l’impresa…

Boh… magari stanno aggiornando i server… o forse ce n’è ancora qualcuno down dal blackout totale di ieri…

Che forte però… “uno stato senza luce”. E’ strano provare ad immaginare tutti senza luce… ma non tutti quelli di un palazzo, di un rione… tutti i 50 milioni di abitanti italiani…

…e già si contano anche miliardi di danni… alimenti, agricoltura… bestiame… certo che ormai dipendiamo proprio da queste cose… l’uomo pensa di essere sempre più libero… e invece, sembra proprio il contrario, ci stiamo, senza rendercene conto… sempre più imprigionando in un carcere invisibile…

Ho paura che esisterà il giorno nel quale… se salta la luce… muore qualcuno. (o forse esiste già…).

Mi fa proprio impressione questa cosa… in Africa, se va via la luce in uno stato (ma anche in tutto il continente) credo che i danni potrebbe ripagarli comodamente un ricco italiano. Ma qui invece si parla di centinaia di miliardi di euro…

 Stamattina.

…primo giorno di Servizio Civile… anzi, primo giorno, ma praticamente nulla. Ho passato la mattinata in bicicletta… girando tra casa – caserma – Santa Chiara – Università, per sbrigare solamente le solite pratiche…

Diventerò Pantani… 🙂

E’ proprio vero che la bicicletta fa sbrigare nel traffico… ma quella salita verso casa mia inizio ad odiarla… è leggera, ma paurosamente lunga… anche se ormai la faccio con la marcia più pesante per sbrigarmi prima… 🙂

Beh… Tanti auguri a Maurizio… oggi è il suo compleanno… e stasera, piccola sorpresa a casa sua… tanto per fargli un po’ di baldoria e distruggergli qualche stanza… spero riuscirò a divertirmi.

Prima però… voglio passare da Fabiana… oggi sarà in palestra, ma non si allenerà per via della distorsione… almeno la vedrò un po’.

 Beh… finalmente ho scritto quel che volevo scrivere… adesso incrocio le dita affinché questo post arrivi sul mio diario… dato che lo sto inviando via email.

A presto…

—-

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.