Condividere subito?

La mia dieta dai social mi sta rendendo nel tempo sempre più lurker. Twitter è l’unico social main-stream al quale sono iscritto e che leggo (ancora) regolarmente, al contempo però i miei contributi sono sempre meno frequenti (e da tempo immemore totalmente non personali).

Da qualche anno inoltre, ho smesso di rilanciare i post di questo blog sul mio account Twitter per un semplice motivo: il tool di Analytics di Twitter mi indicava che il rapporto tra numero di visualizzazioni e numero di click era estremamente basso.

Le ragioni possono essere varie. La prima, sicuramente, può essere dovuta al fatto che scrivo roba noiosa e di bassa qualità. La seconda potrebbe essere dovuta allo scarso interesse del mio pubblico. La terza, ovviamente, potrebbe dipendere dal fatto che su Twitter, la discussione all’interno della piattaforma ha il fuoco maggiore. I click verso l’esterno che facciamo sono pochissimi rispetto ai link che passano sotto i nostri pollici.

Così: perché continuare ad alimentare una piattaforma?

Vedo che in tanti cedono al rilancio automatico dei propri contenuti in quello che a me suona come un mix tra retaggio culturale e un riflesso incondizionato.

Siamo noi che usiamo Twitter o è Twitter che usa noi? La domanda ovviamente vale per tutte le piattaforme nelle quali abbiamo queste abitudini ma comprendere se quel che facciamo abbia davvero senso o meno credo sia molto sano.

Emanuele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.