Di spade e di amici.

Ieri sera, prima di andare a letto, ho ricevuto un sms da un amico. Uno di quegli amici che stimi tanto per ciò che sono e che sanno realizzare nelle loro giornate.

C’era scritto scusa una volta e grazie due volte. Mi ha fatto tanto piacere. 🙂

Ho ripreso a leggere “Il cammino di Santiago”. Ho letto quattro pagine e… ahimè, sta finendo.

Quelle pagine però erano piene di riflessioni. Vorrei scriverne per ore ma vado sempre di fretta… però, mi sono accorto che mi dispiace così tanto finire questo libro che ho persino lasciato il segnalibro al capitolo precedente.

Mi son detto “così magari sbaglio e riprendo da li…”. Non mi era mai capitato prima, per nessun altro libro.

Leggetelo e poi… fatelo leggere.

Perché forse, “la propria spada” la si trova solo quando si inizia a consigliarla.

Emanuele

1 commento » Scrivi un commento

  1. Pingback: Compagni di viaggio. - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.