Un albero, una speranza.

Sigh.

Si combatte ogni giorno… ma “la mafia”, quella fatta di prepotenza più che di traffichi di armi/droga e quant’altro, è più viva che mai.

E’ quella la prima vera mafia. Quella che già a scuola ti fa picchiare il compagno indifeso. Quella che prepotentemente… deve superare gli altri nella fila alle poste. Quella che… se la prende persino con gli alberi per incutere paura.

Ma come cantavano i Modena City Ramblers in “La banda del sogno interrotto”:

…se non sono ancora stanchi non si stancheranno mai.
Non li fermano con gli spari, non li fermano con le TV.
Sono veri siciliani e non si fermeranno più

Staccate un albero? La speranza non muore.

Non ci stanchiamo… e come Peppino, anche a me oggi viene da gridare che la mafia è una montagna di merda.

Oggi è venerdi santo, Gesù viene messo in croce. 2007 anni dopo, la prepotenza esiste ancora ma… la brava gente non si stancherà mai di lottare, pure a costo di morire.

Emanuele

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

4 commenti » Scrivi un commento

  1. Hai proprio ragione la mafia in certe persone è radicata dentro ma fin quando ci sarà qualcuno ad opporsi allora la speranza non muore 🙂

  2. Si parla tanto ma quello che realmente secondo me dobbiamo fare e cominciare ad estinguere la criminalità dalle piccole radici che ha in tutti noi..

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.