Pretendo troppo?

…che domenica strana.

Quella melodia… mi ha ipnotizzato… m’ha reso triste… malinconico… insofferente.

Sono andato a Messa alle 8 e 30… in bicicletta. Veramente sono sceso prima… avevo proprio voglia di distrarmi… di stare solo… così sono sceso quasi un’ora prima, ho fatto un giro in centro… guardavo il resto del mondo… dalla mia bicicletta, ma mi passava accanto, non mi toccava.

Quando vai in bicicletta, la vita va alla velocità che decidi tu: nè troppo veloce, nè troppo piano. Decidi tu a che velocità andare, …a che velocità muoverti nella tua vita. Quando invece stai fermo, seduto su una sedia, …la tua vita inizia a correre, così velocemente, che dopo un pò ti rendi conto che la stai proprio perdendo di mano… non riesci più a controllarla…

…amati pedali…

Che poi, in bici, c’era anche fresco… quel fresco che cercavo. Mi faceva pensare all’inverno… sono sceso da casa leggero appositamente… ero ansioso di sentire fresco.

…non avevo voglia di far parte di quella società… che trovo fuori la porta ogni volta che esco di casa… così, non ho cercato neanche un bel vestito per uscire. Ho preso una maglietta… era anche un pò sporca onestamente, ma mi importava poco.

…ripensavo a quelli che vivono senza niente….

In questi giorni… sto riflettendo molto sul fatto di essere, o meno, ingrati.

Tutto è nato una sera… durante una doccia. Sotto l’acqua… volevo capire, se fosse giusto la mia insofferenza verso tantissime cose della mia vita…

è giusto lamentarsi… quando in fondo si ha una vita agiata?!

ma… posso essere insensibile a quel che non mi piace? Posso riuscire a non considerarlo?!

Io, non posso dire di essere una persona sfortunata… perchè, basta guardarmi intorno… ci sono tantissime persone nel mondo che vivono una vita veramente più brutta della mia… ma allora… non devo lamentarmi quando sono triste?!?!

…non voglio essere insensibile… ingrato… ma, come ignorare quel che mi fa soffrire?! Pretendo troppo..?! Sono viziato?!

Aiuto… sono giorni che non so darmi una risposta…

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.