Del Palio m’è rimasto un taglio nell’anima a forma di sorriso.

Palio di Siena - Piazza del Campo

Ho imparato ad avere rispetto per il Palio di Siena durante gli ultimi diciotto mesi. Il progetto che seguo è a due passi da questa città meravigliosa e tutti i senesi con cui ho a che fare me ne parlavano con religioso rispetto. Li ascoltavo ed assorbivo timore e reverenzialità.

Ho girato le mura di cinta in lungo ed in largo, ma ho capito di non aver mai visto Siena finché non ho avuto l’occasione di vivere il suo Palio.

Non sono un contradaiolo, né lo sarò mai, ma la lunga attesa che culmina in quei tre giri dopo “la mossa” corrisponde ad un trasporto interiore inimmaginabile persino per un turista curioso. Le ore di attesa rinchiusi in quella piazza, il tappeto di gente esultante, le trombe, i tamburi, i fantini disarcionati ed i cavalli che concludono il giro senza la loro guida, tutto è medioevo che si rinnova davanti agli occhi e tutto è celebrato con solennità.

Una città così va amata se non per la sua incredibile bellezza architettonica, almeno per la sua capacità di essere unita e in competizione allo stesso tempo e il suo Palio, credetemi, merita d’esser visto almeno una volta nella vita.

Emanuele

9 commenti » Scrivi un commento

  1. Non metterti nei guai a pochi giorni dalla grande data, eh?
    La foto sembra una cartolina!
    Se dici che è da vedere mi fido, ma immagino la tensione sia altissima, io mi agito gìa nel vederli alla tv.
    Comunque un po’ so di cosa si tratta perchè per un periodo sono andata a vedere un mio cugino che ha gareggiato al Palio di Feltre etc.
    Tornando a te, come stai?
    Ciao e pensami nel mio count down…2 settembre e Tania parte per la Bolivia…
    Notte Manu

    • Ciao Robi, avrai saputo della mega-rissa immagino. Sono uscito indenne, insieme ad una marea di altra gente preoccupata che da un momento all’altro potesse arrivare un destro “volante”. E’ stato tutto molto bello, tranne quell’ultima fase in effetti: ritrovarsi in una piazza con così poche vie d’uscita e decine di persone sopra le righe non è qualcosa che regala serenità. Per il resto è un vero spettacolo e tutto l’evento ti trasporta nella competizione inevitabilmente. Il culmine è emozione e gioia.
      La foto è merito di un gran tempismo mentre attraversavo la pista per immergermi nella bolgia. Se può incuriosirti, qui e qui avevo caricato due mini-video dell’evento…
      Per il resto io sto bene, anche se questa settimana lavoro (a Siena) anche nel weekend, in ogni caso alle mega-ferie manca ormai pochissimo!
      Al tuo count-down immagino non ci si abituerà mai: mia mamma dopo quasi due anni continua a sperare che mia sorella possa decidere di tornare in Italia. Per una mamma la distanza è la distanza: un elemento importante e assolutamente non trascurabile. In ogni caso si sopravvive… e poi con i mezzi di oggi anche le distanze più assurde si colmano con facilità! Think positive!
      Ciao,
      Emanuele

  2. Hola amigo!
    Sai che non sapevo nulla della rissa? Me la sono andata a vedere su You tube, beh niente male come brivido eh? Io comunque continuo a non capirli, boh…contenti loro…
    A questo punto sono ancora più contenta che tu ne sia uscito illeso.
    Grazie per le parole che hai scritto sul mio prossimo distacco. Sai sempre capire e cogliere anche senza aver provato direttamente alcune esperienze. I’llthink positive.
    A presto Manu. Buona domenica:)

    • Boh Robi, ogni manifestazione in cui esiste competizione prevede – culturalmente – gente incapace di dialogare solo verbalmente. Come se, tra l’altro, quel che accade dopo una gara possa in qualche modo favorire, sfavorire o cambiare le sorti.
      Meno quattro giorni per te: pronte le valigie? (spero le lascerai fare a lei! Agli scout non apprezzavo mai i genitori che si occupavano degli zaini dei propri figli… poi arrivavano ai campi incapaci di gestirli e non a conoscenza di cosa avevano dentro).
      Ciao,
      Emanuele

      • Ciao Manu! No, le valigie non sono pronte, ma si sta arrangiando. Abbiamo solo una stanza in meno in cui vivere visto che la veranda in questi giorni è diventata un ammasso di vestiti, shampoo, libri, cerette, peluche portafortuna, libri eccetera eccetera. Domani cercherà di farci stare tutto dentro…vedremo:) Intanto oggi ci siamo fatti un regalo: una giornata al mare noi tre, come qualche anno fa. Stranissimo, bellissimo, avere una figlia diciannovenne tutta per noi due è stato un grande regalo. Stasera ero così piena d’amore che mi sono commossa. La felicità fa male, punge il cuore, ti dice chiaramente quanto bello sia quello che hai e come non sia per niente di tua proprietà.
        E’ stata un’estate senza grandi viaggi, ma questo viaggio come mamma è un viaggio di cui sono eternamente grata.
        Sono felice di condividere questo mio momento di gioia con te visto che anche tu ne vivrai uno di bellissimo tra poco. Sarò curiosa di vedere una foto di te sposo. La metterai?
        Notte Manu

          • Grazie del tuo pensiero, sicuramente anch’esso mi ha aiutata oggi. Non riesco a scrivere stasera, temo mi si possano aprire tutti i rubinetti che finora sono riuscita a tenere abbastanza chiusi. Devo tenermi ancorata al presente perchè se lascio scorrere la mente sono fregata.
            Ti dico solo che ha perso il biglietto poco prima del check in!!! Per fortuna glielo hanno ristampato, ma sono stati minuti di panico.
            Ora è sulla rotta Roma-San Paolo, poi toccherà a La Cruz de la Sierra.
            Prossimamente ti farò partecipe di questa mia forte esperienza con una e-mail.
            E tu pronto al grande passo?
            Alla prossima Manu.
            Notte! Robi

  3. come ti capisco! meraviglia delle meraviglie..spero di poterci tornare presto!
    (tu tutto ok? Spero di sì, preparativi finiti? scusami ho avuto un’estate un po’ incasinata)
    baci

    • Ciao Lori, spero sia stata una bella estate rilassante! Io tutto ok, ormai il matrimonio è alle porte ed è quasi tutto pronto. Da domani tra l’altro iniziano le mie ferie così è un giorno speciale… l’ultimo giorno lavorativo da celibe della mia vita!
      Ciao,
      Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.