Gli oggetti agiscono da rammendatori del pensiero.

Ma gli oggetti, dicevo. Gli oggetti, adesso, proiettato sull’istante in cui esisto, assumono un sapore che diventa imprescindibile. Mi ricordano ciò che ero. Ciò che pensavo potessi diventare, quando sarei stato grande. Mi portano a fare i conti con me stesso, a fare i conti con i sogni che a quell’età coltivavo.

(Via: Il blog di Mao)

Emanuele

4 commenti » Scrivi un commento

  1. Acc.. è sempre più difficile sbarazzarsi dei vecchi oggetti. In effetti ho sempre sospettato avessero un’anima anche loro.

    • Si parla di legami invisibili. Esiste tra le persone, esiste verso le cose. Sarà forse per via della paura inconscia della nudità?
      Ciao,
      Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.