La pecora nera (e i favolosi anni sessanta).

Ieri sera ho visto La pecora nera, film di Ascanio Celestini che mostra uno spaccato di vita dei malati mentali in Italia.

Come è possibile, mi domando a volte,
camminare sui prati verdi e avere l’animo triste?
Essere immersi nel caldo del sole,
mentre tutto d’intorno sorride…
e avere l’angoscia nel cuore?
…Lasciate a noi le vostre tristezze!
A noi che non possiamo andare nei prati
e non vediamo mai il sole.

A. Paolini (matto) in “La pecora nera”

Probabilmente questa citazione è una delle parti più interessanti del film e non credo d’esser diventato pazzo anch’io nell’affermare ciò. Il resto è arte probabilmente, ma il mio coinquilino superato metà film ha iniziato a russare.

Emanuele

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.