Yashal.

Che Elisa sia la mia cantautrice italiana preferita è un dato di fatto.

Che sappia farmi venire i brividi quando ascolto una vecchia canzone per puro caso, beh, questa è una piacevole sorpresa.

Yashal è un uomo forte, partito per chissà quale viaggio. Lo immagino con degli scarponi da pioniere, dei pantaloni pesanti adatti a qualsiasi tipo di freddo e un maglione enorme mentre cammina su una strada di montagna, con una vecchia bisaccia sulla spalla e un legnetto tenuto stretto tra le labbra circondate da una barba incolta.

Forse un giorno farà avere sue notizie, nel mentre lei ne canta l’assenza.

E’ qualcosa di spettacolare. Elisa non lo descrive meglio ma Yashal potrebbe essere l’Amore puro e astratto. Come le note di quel pianoforte…

Emanuele

3 commenti » Scrivi un commento

  1. L’ho sentito l’album di Elisa. Non riesce proprio a fare per me.
    Mi annoio dopo un pò, preferisco goderne a piccole dosi.

    • Elisa dipende dai momenti. Anch’io l’ultimo album non so digerirlo tutto in un’unica volta… però ci sono canzoni che ascolterei per ore ed ore… 🙂
      Ciao,
      Emanuele

  2. Madò quant’è bella Yashal… ma allarghiamoci, ma quant’è bello Lotus!? Troppo… ci muoio dietro a quel cd e dietro a Stranger, qualsiasi versione essa sia!! 😥

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.