Ho le dita stanche?

Questo post nasce molto rapidamente.

Sono le undici meno venti ma da dieci minuti mi dico “Emanuele, non metterti al pc, hai un libro da leggere, mettiti a studiare”.

E così tra poco scapperò, abbasserò il display del MacBook e non girerò qui e li per la blogosfera e non risponderò alle e-mail ricevute.

Sto riflettendo. Si, sembra assurdo visto che gira e rigira sono qui a riflettere… ma in questi giorni sto facendo caso ad alcune cose.

Sarà per il periodo, sarà per il carattere, ma accetto sempre tutto a braccia aperte.

Questo è un bene, però ogni tanto mi chiedo “non è che ogni tanto le braccia vadano strette per vivere il buon combattimento?”.

Detta così è difficile da capire, però ci son cose che non capisco, non pretendo di capire ma che continuo ad accettare dentro col sorriso e consapevole che solo affidandomi a Lui posso arrivare veramente a “godere” di ciò che possiedo.

Così in questi giorni ho anche meno voglia di scriver qui. Me ne sono accorto anche se ho continuato a farlo.

Sarà la magia del Natale, sarà che ho i miei fratelli qui e ogni scusa è buona per goderseli (che bello ridere con mia sorella, su una Vespa senza benzina nel traffico del centro città… :joy:).

Magari mi passa, magari trovo anche le parole per descrivere ciò che sta nascendo dentro e non sarebbe male visto che ogni volta che scrivo qualcosa, diventa per me un’ottimo spunto per lavorare o per continuare ad andare avanti.

Beh, vado a studiare adesso…

Emanuele

2 commenti » Scrivi un commento

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.