La morte dei pregiudizi.

Ruota panoramica

Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva… l’ombra che non c’era. Bisogna ritornare sui passi già dati… per tracciarvi a fianco nuovi cammini.
Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre.

Tratto da Viaggio in Portogallo di José Saramago

Emanuele

(photo credits)

Pubblicato da

Ingegnere. Si divide tra lavoro, bicicletta, monociclo e volontariato. Vive in una casa con un ciliegio insieme ad una moglie, una bimba e otto pesciolini che non lo aiutano a tenere in ordine.

7 commenti » Scrivi un commento

  1. Queste parole le condivido pienamente, sono riflessioni che faccio sempre, ogni giorno. Ma forse ognuno di noi, attribuisce un significato diverso a queste parole, in base alle sue esperienze…

  2. Non dare mai nulla per scontato, in tutto ciò che vivi.
    E’ bello quando in questo periodo do certe risposte anche a mia madre quando è preda della stanchezza.
    Ho una strana forza dentro che sta diventando parte di me.
    E’ vero comunque Nicco, ognuno legge queste parole in maniera diversa… io stesso in giorni diversi, in questo periodo, le ho lette con sfumature diverse, riferendole ad aspetti diversi della mia vita e così via.
    Sono belle… perché sono vere e corrette, per tutti.
    Ciao,
    Emanuele

  3. E’ un libro strano, non sono ancora riuscita a finirlo (forse non era il momento). Se ti piace Saramago però ti consiglio altri due libri (il vangelo secondo Gesù Cristo ed il racconto dell’isola sconosciuta) per me bellissimi. ciao!

  4. A me sta piacendo… tra l’altro dopo metà inizia ad affrontare certi temi in maniera più schematica e colpisce ancora di più. Prova a riprenderlo… intanto mi segno i tuoi! 😉
    Ciao,
    Emanuele

  5. Pingback: Ehy, what a beautiful mess this is! - …time is what you make of it…

Lascia un commento

I campi richiesti sono marcati con *.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.